eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
SANA 
Bologna
6-9 Settembre 2019 
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

giovedì 6 marzo 2014


RADICCHI IGP DI TREVISO E DI CASTELFRANCO COPROTAGONISTI DI UN PROGETTO EUROPEO

I radicchi Igp di Treviso e di Castelfranco camminano, insieme ad altri otto prodotti certificati, in un programma multipaese, finanziato con fondi della Comunità europea per iniziative di promozione e di valorizzazione. Con i radicchi ci sono le pere, le pesche e nettarine dell'Emilia Romagna, gli asparagi spagnoli del Xùquer e cinque prodotti francesi (le fragole di Perigord, gli asparagi di Sable des Landes, i Kiwi dell'Adour, le prugne d'Agen, e le clementine di Corsica). Sono tutti prodotti Dop o Igp, marchi europei di tutela, che quindi fanno riferimento a uno specifico territorio e che si presentano con caratteristiche ben definite, tutelate e garantite. Duplice l'obiettivo, molto in sintesi: far conoscere meglio i marchi europei Igp e Dop, mettendo in risalto la differenza rispetto ai prodotti convenzionali, e determinare quindi la lievitazione delle vendite. È una vetrina internazionale per nove prodotti ortofrutticoli di eccellenza, coltivati in quasi 20 mila ettari di differenti regioni europee. Il programma è appena partito e si svilupperà nel corso di tre anni. Per quanto riguarda i radicchi di Treviso e di Castelfranco, le attese sono notevoli. È una grande opportunità per portare questi ortaggi a livello internazionale, accanto a prodotti altrettanto prestigiosi e di valore. "Il programma- commenta Cesare Bellò, consigliere delegato di OPO Veneto e vicepresidente de Consorzio di tutela del radicchio Igp di Treviso e di Castelfranco- rappresenta un'interessante novità che promette eccellenti risultati. Ottimizza risorse, sviluppa azioni comuni, presenta diversi prodotti con un'immagine forte e convincente, porta i prodotti fuori dai loro confini tradizionali, facendoli conoscere e gustare. Permette efficaci azioni di comunicazione, che sarebbero "impossibili" per i singoli prodotti. Per i radicchi far parte del programma è indubbiamente un fatto di elevato prestigio: significa accrescere notevolmente le potenzialità di mercato e quindi le loro quotazioni. È una occasione per i radicchi di farsi conoscere a livello internazionale per giocare un bel ruolo accanto a grandi prodotti europei". Il programma, che fa capo al Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, è gestito dalla società Sopexa.

Fonte: OPO Veneto


Altri articoli che potrebbero interessarti: