eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

Rucola selvatica giovedì 6 ottobre 2016


La rucola selvatica conquista la Germania

Un packaging curato che porta con sé il messaggio dell’italianità. Un prodotto particolare, dal sapore inconfondibile, che richiama al Bel Paese. Così la rucola selvatica dei Fratelli Napolitano ha conquistato il mercato tedesco. L’ortaggio a foglia è coltivato nelle serre che l’azienda ha nella Piana del Sele, in provincia di Salerno. Una verdura raccolta e confezionata a mano, come racconta a Italiafruit News Gennaro Napolitano, responsabile commerciale dello stabilimento di Eboli. “La proponiamo in mazzetti da 50 grammi, di solito due per ogni vaschetta, poi floppata e riposta in un cartone 30x40. La nostra rucola selvatica è più piccante rispetto al prodotto comune, ideale per la pizza oppure da consumare in insalata”.

“Da circa un anno proponiamo la rucola selvatica in Germania – prosegue il manager – e il mercato tedesco è stato molto ricettivo: riforniamo Metro Group, che però ci richiede la confezione con tre mazzetti, e poi lavoriamo con le principali catene come Aldi ed Edeka. A breve debutteremo anche in Svizzera”.



La F.lli Napolitano nasce nel 1970 a Poggiomarino (Napoli) come piccola ditta individuale impegnata nella produzione e commercializzazione di prodotti ortofrutticoli. Il fondatore, Gennaro, ha ben presto coinvolto i figli Carmine e Giuseppe nello sviluppo aziendale, acquistando 10.000 metri quadri di terreno a Eboli (Salerno), nella fertile Piana del Sele.

La società agricola F.lli Napolitano oggi è impegnata sul mercato nazionale e internazionale, impiegando 350 dipendenti in tre stabilimenti: due a Poggiomarino, gestiti da Giuseppe Napolitano e da suo figlio Gennaro, dove si effettua la lavorazione di cipollotti e finocchi; e uno a Eboli, gestito da Carmine Napolitano e dai figli Gennaro e Francesco, dove si lavorano indivia riccia, indivia scarola, lattuga, insalatine, pomodoro, rucola, cavolo rapa, cetrioli, zucchine, melanzane tonde e peperoni.

Copyright 2016 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: