eventi
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

giovedì 31 agosto 2017


Produzioni estive, Terremerse tira le somme

La campagna di conferimento della frutta estiva è arrivata quasi a conclusione e Terremerse èi in grado di fare le prime considerazioni sull’andamento.
Analizzando le principali specie, complessivamente, a livelli quantitativi vi è un incremento di circa il 50% su albicocche e susine e un 30% su pesche e nettarine. Si è invece in linea con le produzioni delle principali orticole da mercato (angurie, meloni, cipolle, patate) ancora in fase di piena raccolta.

Dal punto di vista qualitativo i dati sono sicuramente meno incoraggianti, a causa delle avversità climatiche che si sono manifestate durante la primavera (gelate tardive) e l’estate (grandine e forte vento) e con punte di temperature elevate abbinate alle mancate precipitazioni. L’impatto maggiore si è manifestato sulla qualità estetica di albicocche, pesche e nettarine soprattutto nella fase precoce della raccolta.
Il tutto ha avuto un impatto sfavorevole sulle valorizzazioni, come risulta dai prezzi esposti nelle bacheche degli stabilimenti.



Il prodotto più penalizzato dal punto di vista commerciale, anche a causa delle notevoli quantità immesse sul mercato, è l'albicocca nelle varietà più precoci, con un lieve rialzo dei prezzi sulle varietà medio-tardive. Pesche e nettarine seguono lo stesso trend delle albicocche con un posizionamento leggermente superiore, ma sicuramente inferiore ai prezzi medi riscontrati lo scorso anno.

In netto calo rispetto alle quotazioni dello scorso anno, a oggi, sono anche le patate, che nel 2016 avevano avuto un andamento commerciale di buona soddisfazione.
Discorso diverso per le angurie e le cipolle, i cui i prezzi sono sostanzialmente allineati a quelli dello scorso anno (per la campagna 2016 le quotazioni complessive non sono state però in grado di garantire un reddito sostenibile al produttore).
Per le patate e le cipolle Terremerse confida comunque ci possa essere un’inversione di rotta, rispetto ai valori di mercato odierni, dal momento che si tratta di prodotti raccolti in estate e stoccati in celle frigo per la commercializzazione nei mesi successivi.

Fonte: Terremerse


Altri articoli che potrebbero interessarti: