eventi
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

Uva da Tavola, venerdì 11 ottobre 2019


Uva da tavola, la settimana decisiva

Sono giorni decisivi per capire che piega prenderà la campagna dell'uva da tavola. L'esordio non è stato dei migliori, poi nel mese di settembre le quotazioni in campagna sono rimaste basse fino ad arrivare ai 50-60 centesimi il chilo. Prezzi che hanno spinto i produttori anche alla protesta (clicca qui per leggere la notizia di ieri).


"E' una settimana cruciale per capire l'orientamento del mercato - spiega a Italiafruit News Donato Fanelli, presidente del Comitato Uva da tavola di Ortofrutta Italia - Con quei 15 giorni di ritardo avuti a inizio campagna, ora è come essere alla fine di settembre di un anno normale. Sinora abbiamo avuto scarsi volumi di vendita, prezzi bassi e produttori allo stremo: c'è chi è veramente in difficoltà. Negli ultimi giorni qualche cosa si è mosso in termini di vendite, speriamo che il trend si possa consolidare velocemente".



L'uva da tavola a Fruit Attraction vedrà anche il primo incontro del neonato Gruppo di contatto tra Italia, Spagna, Francia, Grecia e Portogallo. "Prima di quell'appuntamento avremo anche un incontro tra operatori, per fare un quadro del mercato - aggiunge Fanelli - poi a Madrid ci soffermeremo anche sugli aspetti fitosanitari".

Il mercato comunitario vede l'affermarsi di nuovi player. "Penso a Grecia e Macedonia, che hanno aumentato la loro sfera di influenza sul mercato europeo e hanno occupato spazi importanti a Est, dalla Polonia alla Bulgaria - aggiunge il presidente del Comitato Uva da tavola di Ortofrutta Italia - Questo, sommato alla chiusura del mercato russo, porta a un aumento della pressione a livello comunitario. La Germania, poi, si sta spostando sul prodotto spagnolo: e la Spagna, con un terzo delle nostre superfici, riesce ad essere più competitiva di noi".



I produttori italiani di uva da tavola devono fare poi i conti con un mercato che muta velocemente, con i consumatori che si stanno spostando verso le uve seedless. "Ma in campagna è difficile e costoso disinvestire sulle varietà tradizionali e abbracciare le senza semi - rimarca l'esperto - Anche una piazza tradizionalista come la Francia si sta spostando sulle seedless. Bisogna impostare dei programmi ben precisi: prima piantavi una tipologia di uva e l'impianto andava bene per 20 anni, ora - conclude Donato Fanelli - non si può cambiare varietà ogni 5 anni, così il business non è sostenibile".

Copyright 2019 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: