eventi
TSW 2020
Varsavia (Polonia)
15-16 Gennaio 2020

FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

lunedì 11 novembre 2019


Legumi secchi, l'Italia conquista i mercati

Fave, cicerchie, piselli, ceci (anche neri) e lupini. I legumi secchi coltivati in Italia stanno beneficiando di un trend di vendita incrementale a livello sia nazionale sia globale. Una tendenza che sembra essere strettamente legata alla maggiore sensibilità del trade e dell'opinione pubblica verso i temi ambientali. Si sta capendo, in pratica, che l'origine italiana certificata dei legumi è un valore qualitativo differenziante in una categoria da sempre dominata dalle produzioni estensive di grandi Paesi come la Russia, l'Usa, il Canada e l'India che hanno regolamenti fitosanitari molto meno stringenti.

"L'unico aspetto su cui possiamo effettivamente competere noi italiani riguarda la qualità igienico-sanitaria e nutrizionale di un legume. Oggi, nella mente di buyer e consumatori, un determinato prodotto Made in Italy risulta essere sempre più naturale e sicuro del corrispettivo legume estero, a prescindere che esso sia coltivato con metodi di agricoltura biologica o integrata" spiega a Italiafruit News Matteo Di Nunzio dell'omonima azienda di San Paolo di Civitate (Foggia). 


Pianta di fava della Di Nunzio

Di Nunzio produce i suoi legumi nel Foggiano, in Puglia. La coltivazione interessa un totale di circa 1.500 ettari. "La fava locale pugliese (600 ettari) e la cicerchia sono i due prodotti più rappresentavi, nonché le nostre due punte di diamante. Poi vengono i ceci bianchi e neri, i lupini e i piselli - aggiunge l'imprenditore - In questa stagione, la resa per ettaro delle nostre coltivazioni è stata più elevata rispetto alle annate precedenti a fronte delle forti piogge della tarda primavera".

Dagli impianti di lavorazione di San Paolo di Civitate "escono" non solo i prodotti secchi, ma anche quelli cotti al vapore a marchio "Legumi del Tavoliere" (sette referenze). Articoli che l'azienda riesce a commercializzare in tutto il mondo. "L'Italia si conferma il principale mercato di riferimento, ma la quota di esportazione è in costante crescita e oggi vale circa il 20% del nostro fatturato. Abbiamo sempre più clienti in Europa, Usa, Canada e Medio Oriente - conclude Matteo Di Nunzio - Per quanto riguarda i Legumi del Tavoliere, contiamo di ampliare la gamma fino al numero di 10 referenze nel corso del 2020, puntando soprattutto ad estendere l’offerta biologica”.



Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: