eventi
TSW 2020
Varsavia (Polonia)
15-16 Gennaio 2020

FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

clementine di Calabria giovedì 14 novembre 2019


Le clementine vanno letteralmente a ruba

Le clementine vanno letteralmente a ruba: bersaglio dei ladri, nelle ultime settimane, la cooperativa Fruit Alba di Corigliano Calabro (Cosenza).

“Ai piccoli furti eravamo già abituati, ma è sempre stata questione di poche decine di euro. Quest’anno è ben diverso - spiega a Italiafruit News Francesco Spataro, responsabile commerciale di Fruit Alba - Ad oggi sono già stati rubati 25-30 quintali di clementine. I ladri approfittano della poca luce delle prime ore del mattino o della sera per entrare nei nostri terreni e sottrarre una gran quantità di frutti”.



La reazione da parte dei soci della cooperativa non è tardata ad arrivare. “Abbiamo subito denunciato i furti ai Carabinieri - dice Spataro - e ci siamo organizzati tra di noi per controllare i terreni tramite delle ronde”.

Per un’azione di controllo ancora più incisiva, i soci della Fruit Alba hanno deciso di affidarsi anche alla tecnologia. “Nei campi abbiamo installato dei sensori tecnologici che, in collegamento con i nostri smartphone, ci informano in tempo reale sull’eventuale presenza di intrusi”, sottolinea il manager calabrese.



Quello dei furti è un danno che va sicuramente a peggiorare la già incerta campagna commerciale delle clementine, che anche per Fruit Alba non sta portando buoni risultati.
La qualità dei frutti raccolti finora è ottima, con un elevato grado Brix - commenta Spataro - Il vero problema è nella quantità del raccolto: quest’anno ci manca circa il 30-40% della produzione rispetto agli ultimi anni. E mente noi stiamo vendendo sul mercato il 10-15% dei frutti presenti sugli alberi, altri operatori non si fanno scrupoli e arrivano a vendere anche il 30% della produzione. In poche parole viene commercializzato oggi quello che andrebbe raccolto tra un mese, inserendo così sul mercato merce non conforme agli standard ottimali di qualità e, anche per questo motivo, i prezzi vanno al ribasso”.

Copyright 2019 Italiafruit News


di Alice Magnani

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: