eventi
IPM ESSEN 2020
Essen (Germania)
28-31 Gennaio 2020
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
FRESKON 2020
Salonicco (Grecia)
2-4 Aprile 2020

MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

venerdì 13 dicembre 2019


«Francia, sinonimo di qualità per le patate»

Se è vero che il percorso qualitativo di un prodotto parte dalla sua provenienza, non tutti spezzano la lancia a favore dell’italianità. Come nel caso dell’azienda Agri Saliani di Modugno (Bari), che dal 2003 commercializza 7mila tonnellate di patate all’anno, di cui il 90% importate dalla Francia.

“Siamo profondamente convinti della superiorità qualitativa del prodotto francese – spiega Nicole Saliani, titolare dell’azienda nonchè figlia di Franco, fondatore dell'impresa – perché i loro terreni sono molto più vocati rispetto a quelli italiani e riescono a trattare tuberi durate tutto l’arco dell’anno. Le patate francesi raggiungono standard altissimi con varietà selezionate, sono maggiormente lavabili e con un calibro idoneo per il consumo fresco. Acquistando patate dalla Francia, riusciamo a soddisfare tutte le richieste del consumatore moderno”.
“In particolare – continua Saliani - dal nord della Francia ci arrivano patate con una maggior presenza di amido, ideali per le fritture o cotture al forno. Dalla regione Champagne ci arrivano invece patate più adatte per il consumo fresco. Solo il 10% del nostro prodotto proviene dalla Puglia e lo utilizziamo durante il periodo estivo”. 



In Italia e nel mondo, i canali di Agri Saliani
Se fino a dieci anni fa la bilancia commerciale di Agri Saliani si affidava principalmente alle esportazioni nei Paesi balcanici, oggi i commerci dell’azienda sono concentrati sul territorio nazionale.
“Commercializziamo principalmente con i mercati all’ingrosso e solo una minima parte delle nostre vendite sono dedicate alla grande distribuzione - commenta la titolare - A questi canali aggiungiamo un piccolissimo ecommerce su Amazon, dedicato alle varietà viola e rosse e continuiamo ad esportare in Grecia, Albania e Montenegro”.

Nicole Saliani insieme al padre Franco, fondatore dell'azienda

Varietà e tecnologia per soddisfare le esigenze dei clienti
Da sempre attenta alle preferenze dei clienti, l’azienda offre un’ampia varietà di patate.
“Il tubero che commercializziamo di più è la patata Agata a pasta bianca – spiega l'imprenditrice - che ha una colorazione molto chiara ed è ideale per il consumo fresco quindi per una cottura al vapore o per cucinare il purè. Ma ci sono anche le Marabel, le Safrane, le Mozart, le Vitellotte e le Novelle”.
Nuove varietà in arrivo? “Siamo sempre pronti ad ascoltare le richieste del mercato – commenta Saliani – e se saranno richieste nuove varietà, inizieremo sicuramente a commercializzarle. Sicuramente la tecnologia ci aiuta a stare al passo con i tempi e proprio di recente abbiamo investito in una linea di confezionamento 4.0 che ci permette di lavare e imballare i tuberi con il minimo sforzo. Negli anni ci siamo accorti che i consumatori italiani preferiscono patate già lavate e pronte al consumo , mentre all’estero va per la maggiore un prodotto solo spazzolato”.
“Per ascoltare le preferenze dei consumatori – ancora Saliani – ci affidiamo anche anche alla nostra pagina Facebook, che ci permette di interagire con il pubblico, raccogliere le loro richieste ma anche offrire informazioni e consigli sulle destinazioni d’uso delle nostre patate”.


Un packaging cha va verso la sostenibilità
Oltre ad ascoltare con attenzione le preferenze dei suoi consumatori, l’azienda Agri Saliani si dimostra preparata anche alle tendenze ecosostenibili del settore, che influiscono sulla fase di confezionamento dei prodotti.
 “Quest’anno abbiamo introdotto la plastica riciclabile nella maggior parte dei nostri packaging – spiega la titolare – come le reti estrusa e i film vertbag, che nella versione standard variano da 1,5 a 2,5 kg. Le altre confezioni sono i cartoni per prodotto sfuso e le casse in legno, entrambi da 11 kg e perfettamente riciclabili. A rimanere escluse dal meccanismo del riciclo per ora sono solo le reti rashel, per confezioni che variano da 2 a 25 kg. In generale, siamo pronti ad affrontare un ulteriore passaggio green: le macchine introdotte di recente ci permetteranno infatti di utilizzare anche materiali compostabili per il confezionamento”. 



Non solo patate
Nonostante quello delle patate sia il core business dell’azienda, Agri Saliani commercia anche cipolle e, come prodotti stagionali, angurie e meloni
“Le cipolle sono una referenza italiana e vengono commercializzate tutto l’anno – spiega Nicole – mentre la disponibilità delle angurie va da giugno a settembre. La provenienza delle angurie è per la maggior parte italiana, solo in minima parte arrivano dalla Grecia. Anche i meloni sono un prodotto stagionale e la loro provenienza è prettamente italiana”.




Copyright 2019 Italiafruit News


di Alice Magnani

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: