eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

venerdì 10 luglio 2020


Ciringuito, il pomodoro dall'ottima conservazione

Se estetica e gusto sono fondamentali nell’esperienza di acquisto, altrettanto determinante per la qualità di un prodotto è la sua capacità di conservazione. E nel segmento dei pomodori Cherry, il Ciringuito di Meridiem Seeds riscuote un notevole successo.
Nel tempo, le sue bacche mantengono una colorazione intensa e stabile, un gusto equilibrato che evolve in dolcezza durante il periodo di conservazione, ma senza perdere la componente acida e, soprattutto, mantenendo valori elevati di consistenza della polpa anche dopo due settimane dalla raccolta.
A determinare questi risultati è l’analisi sensoriale svolta dal centro tecnologico Tecnova, struttura sperimentale della provincia di Almeria (Spagna) che si occupa di innovazione e sviluppo tecnologico per il settore agroindustriale.


 
Il test di Tecnova è stato eseguito in parallelo, comparando Ciringuito ad un testimone, la varietà leader del mercato spagnolo nel segmento Cherry. Per ogni varietà è stato analizzato un campione di dieci frutti. L’analisi è stata effettuata prima a 4 giorni dalla raccolta e ad una temperatura di 8-10°C (per simulare il trasporto), poi di nuovo a 14 giorni con una temperatura di 20°C (per stimarne la shelf life). I parametri valutati sono colore, sapore e consistenza.



Colore

Il colore rosso è determinato dal cosiddetto CIELAB, un valore risultante dall’interazione di tre coordinate: luminosità (L), tonalità (a) e saturazione (C) misurati con un colorimetro. Mentre su luminosità e saturazione le due varietà sono praticamente alla pari e si mantengono tali durante tutto il periodo di conservazione, sulla tonalità di rosso si nota una superiorità di Ciringuito rispetto al testimone, con un valore medio di 24,37 % contro un 21,34 %.




Sapore

Il sapore del frutto è funzione dell’indice di maturazione (IM), che è dato a sua volta dal rapporto tra il contenuto di solidi solubili (SST o °Brix) e l’acidità titolabile (AT). Ciringuito ha sfoggiato un °Brix medio di 7,6, a fronte di un 5,9 del testimone alla fine dei 14 giorni di conservazione, mentre a livello di acidità ha mostrato valori inferiori. Il rapporto finale risulta comunque maggiore per Ciringuito, con un valore medio di 15,30 contro il 9,13 del testimone. 
 


Consistenza

La consistenza della polpa è stata misurata con un penetrometro, agendo sulla zona equatoriale della bacca e replicando la misurazione tre volte, per avere un risultato più attendibile. Come è normale che sia, col passare dei giorni la consistenza dei frutti è diminuita, anche se con variazioni percentuali notevolmente differenti: Ciringuito ha riscontrato una perdita del 35,16 %, il testimone una perdita del 53,28 %.


 

Ciringuito è un ibrido indeterminato nella tipologia Cherry, adatto a cicli di crescita lunghi, con trapianti che vanno dalla seconda metà di agosto ad inizio marzo. La varietà è molto produttiva, con grappoli dotati di ottima contemporaneità di maturazione, formati da bacche di colore rosso brillante. Notevoli la resistenza al cracking e la tenuta in post-raccolta.

Per maggiori informazioni, si può contattare Paolo Buscema (direttore commerciale Meridiem Seeds Italia per Sicilia, Calabria, Malta): paolobuscema@meridiemseeds.it - 331 4562930

Fonte: Meridiem Seeds


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: