eventi
MARCA 2018
Bologna
16-17 Gennaio 2018
FRUIT LOGISTICA
Berlino
6-8 Febbraio 2019
BIOFACH 2019
Norimberga
13-16 Febbraio 2019
CIBUS CONNECT
Parma
10-11 Aprile 2019
MACFRUT 2019
Rimini
8-10 Maggio 2019

leggi tutto

venerdì 1 agosto 2014


Eleuteri: pesche, estate nera. Ma Saturnia fa eccezione

"Per pesche e nettarine si è trattato di un annus horribilis: quando i prezzi registrano ribassi generalizzati compresi tra il 30 e il 40% c'è poc'altro da aggiungere". Lo afferma Marco Eleuteri, direttore commerciale dell'Aop Armonia. Che aggiunge: "Una cosa è certa: questa campagna  impone delle riflessioni e delle scelte strategiche non più rimandabili, per quanto riguarda il nostro gruppo; mi riferisco essenzialmente alle produzioni peschicole medio-tardive e tardive, segmento che negli ultimi anni ha sempre sofferto, anche in campagne non tragiche come questa. Direi che forse, arrivati a metà luglio, dovremmo tirarci fuori dalla mischia".

La pesca platicarpa Saturnia, elemento distintivo di Aop Armonia, è riuscita a rimanere sopra la "mischia"?
Per la pesca Saturnia il discorso è diverso poiché le nostre produzioni sono dislocate sia in Campania (dove ci stiamo concentrando sulle varietà precoci) che nelle Marche (un po' tutte le varietà, ma in prevalenza quelle medio tardive e tardive); in questo caso stiamo lavorando assiduamente per aumentare il livello qualitativo perché vogliamo essere a tutti i costi i più bravi. Stiamo anche cercando di allungare il calendario di raccolta ampliando la gamma varietale; credo che nel giro di due-tre di anni riusciremo a coprire un periodo di commercializzazione che va da metà maggio ai primi di settembre, mentre oggi partiamo il 20-25 maggio ed arriviamo al 15-20 agosto, con un prodotto dalle caratteristiche qualitative omogenee e molto elevate. Per questa ragione stiamo seguendo molto da vicino anche i risultati della ricerca varietale condotta dall'Irta di Lerida, in Spagna, probabilmente l'Istituto di ricerca attualmente più attivo sull'innovazione varietale delle pesche platicarpa. La campagna della pesca Saturnia è proceduta in maniera abbastanza regolare, siamo riusciti a servire i nostri clienti dal 20 maggio ad oggi senza soluzioni di continuità, ma il dato veramente positivo è che sono stati i consumatori a premiare questo prodotto: le insegne che hanno puntato sulla pesca Saturnia con costanza e continuità hanno tutte aumentato i consumi rispetto all'anno scorso a fronte di prezzi sostanzialmente costanti. Un dato importante, anche perche le  pesche piatte "commodizzate" non sono sfuggite alla crisi, registrando spesso, durante questa campagna, quotazioni simili a quelli delle pesche tradizionali.
Per quanto concerne i canali commerciali di riferimento sono rimasti sostanzialmente gli stessi: l'85% circa va alla Gdo italiana ed estera ed il restante 15% al mercato tradizionale, quasi esclusivamente italiano.



Quali i progetti in cantiere per valorizzare ulteriormente Saturnia?

L'anno prossimo intensificheremo sicuramente il legame con l'alta cucina italiana,  in primis nelle Marche coinvolgendo maggiormente gli chef pluristellati marchigiani Cedroni ed Uliassi che sentono molto la vicinanza  territoriale e saranno dei veri e propri  portabandiera della pesca Saturnia nel mondo. L'ultimo evento organizzato denominato Uliassi on the Peach, ad esempio, è stato un successo in tutti i sensi, una serata in cui i 90 partecipanti hanno avuto modo di conoscere la pesca Saturnia nel suo territorio ed in una veste che mai avrebbero potuto immaginare; una esperienza gustativa, ma non solo, iniziata in teatro e terminata al ristorante, emozionando e coinvolgendo tutti i presenti. Vorremmo anche  organizzare delle iniziative enogastronomiche in altre regioni italiane come Toscana, Piemonte, Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna, dove abbiamo un numero crescente di consumatori fedeli ed appassionati (i cosiddetti "Saturnici") e dove contiamo di realizzare dei Laboratori Gastronomici aperti al pubblico con chef di primissimo piano. Arricchiremo il Blog con una sezione interamente dedicata alle ricette a base di pesca Saturnia e pubblicheremo lo stesso Blog anche in lingua inglese. Abbiamo anche l'intenzione di incrementare le attività in-store organizzate in collaborazione con i nostri distributori così come vorremmo utlizzare maggiormente lo strumento promozionale dei concorsi a premi; quello di premiare  i consumatori estratti a sorte con  week-end enogastronomici nelle Marche, infatti, ci sembra una maniera molto simpatica per legare maggiormente la pesca Saturnia al territorio dove viene prodotta.
Un ultimo dato significativo: il blog www.pescasaturnia.it attivo dal mese di aprile e curato dal critico enogastronomico Francesco Annibali, nella seconda decade di luglio ha registrato in alcuni giorni picchi di oltre mille pagine visitate. Ciò dimostra che quando il consumatore viene stimolato "professionalmente" risponde in maniera positiva.


Un momento della serata-evento Uliassi on the Peach sul palco del Teatro delle Logge di Montecosaro. Marco Eleuteri (al centro) ha raccontato la storia trentennale della pesca Saturnia, poi Mauro Uliassi (a sinistra) ha spiegato piatto per piatto tutti gli abbinamenti che di li a poco sarebbero stati proposti per la cena


Moderatore dell'evento il critico enogastronomico Francesco Annibali (al centro), curatore del Blog www.pescasaturnia.it. Alla serata è intervenuto  anche il prof Flavio Corradini, Rettore dell'Università di Camerino (a sinistra), più giovane Rettore d'Italia, grande sostenitore delle eccellenze agroalimentari marchigiane. Sotto il suggestivo ristorante La Luma che ha ospitato il momento conviviale



Cos'altro c'è nel futuro produttivo e commerciale di Aop Armonia?
L'innovazione varietale sta cambiando molto rapidamente l'universo produttivo delle pesche platicarpe e noi da parte nostra cerchiamo di stare al passo con le novità che la ricerca internazionale sta proponendo; non a caso ieri con una delegazione di quattro persone guidate dal vivaista del gruppo Pietro Caggiano siamo stato presenti a una mostra pomologica oragizzata dall'Istituto Irta di Lerida in cui si è dedicata un'intera sezione alla pesca platicarpa. Da parte nostra abbiamo individuato in Strike, che nelle Marche matura ad agosto, la migliore tra le varietà in circolazione che maturano in quel periodo, tanto da metterla al centro di un progetto che intende coinvolgere nella sua coltivazione anche altri agricolotori dislocati nella bassa Valle del Chienti per ampliare maggiormente la superficie produttiva e renderla in questo modo patrimonio del territorio. La Strike è una mutazione spontanea di Stark Saturn trovata nella nostra azienda di Montecosaro; fu proprio mio padre ad individuarla 7 anni fa e quando la assaggiò rimase così favorevolmente colpito dal gusto, dal profumo e dall'aroma che subito la riprodusse per osservarne il comportamento agronomico nel tempo. Dopo appena 3 anni decise di dargli il nome Strike, in quanto la considerò "capace di buttar giù tutti i birilli". Insomma, credo che questa immagine metaforica renda bene che idea mio padre si era fatto (ed ha tuttora) della varietà, oggi regolarmente registrata e distribuita dalla Vitroplant.

Copyright 2014 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: