logo italiafruit ItaliaFruitNews Weekly Focus

ARTICOLO COMPLETO

15/03/2012

SICILIA, AL POSTO DEI VITIGNI IL FUTURO E' NELLA PRODUZIONE DI MELOGRANI SECONDO IL MODELLO ISRAELIANO

Sono quasi 30 gli agricoltori tra Marsala e Mazara del Vallo che hanno adottato il melograno. In Provincia di Trapani, infatti, al posto dei vigneti stanno spuntando alberi di melograno. L'idea viene da lontano, e precisamente da Israele dove è coltivata una varietà, brevettata da alcuni genetisti, in grado di produrre frutti di qualità superiore alla media e che possono arrivare a pesare fino un chilo. "Durante un viaggio in Israele - spiega l'agronomo Dino Bellussi, che ha lanciato l'iniziativa - ho visitato i centri di ricerca e qui mi hanno spiegato che solo alcune zone del pianeta hanno le caratteristiche climatiche e morfologiche ideali per la coltivazione della pianta. E la Sicilia occidentale era tra queste zone. Abbiamo dunque avuto l'idea di provare ad importare la pianta e a lanciare queste nuove coltivazioni in alcuni impianti dedicati. La domanda di melograno è in espansione - spiega Bellussi precisando anche che iI mercato di riferimento è quello italiano - e la produzione è insufficiente". L'agronomo israeliano Yehuda Karon, responsabile tecnico del progetto, ha stimato la grandezza dell'investimento necessario, almeno nella fase iniziale, pari a 100 ettari, corrispondente ad una produzione a regime di 30 mila quintali, che in termini di resa si aggira intorno ai 18 mila euro per ettaro. II costo è di 10 mila euro a ettaro, per un investimento di circa un milione. Entro il 2013 sarà possibile fare una prima valutazione circa la validità del progetto poichè sarà disponibile la prima produzione di un certo rilievo.
L'obiettivo è di arrivare anche all'estrazione del succo e dell'olio dai semi di melograni essiccati, molto richiesto per le proprietà farmacologiche e cosmetiche, il cui prezzo è intorno ai 700 dollari al litro.

Fonte: viaggisraele.blogspot