eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019

leggi tutto

martedì 4 dicembre 2012


PATATA "RICICLELLA", RISULTATI CONFORTANTI AL TERZO ANNO DI SPERIMENTAZIONE PER IL PRODOTTO CHE CRESCE GRAZIE AI RIFIUTI

Oggi a Salerno (ore 15.30 – Sala Gonfalone, Palazzo di Città) saranno presentati nel corso di un convegno i risultati della sperimentazione sui benefici dell'uso del compost per la coltivazione della patata, già battezzata "riciclella".
La ricerca, nata su iniziativa della CIA di Salerno, è stata realizzata dal Dipartimento di Chimica dell'Università di Salerno, in collaborazione con l'O.P. Solana aderente a Legacoop Campania, grazie ad un progetto finanziato dal MIPAAF.
La ricerca, che si concluderà alla fine del 2013, è volta al miglioramento della produttività mediante fertilizzazione con compost ottenuto dalla frazione organica dei residui solidi urbani (FORSU), impiegato su sei varietà di patate valutate maggiormente biodiverse, assieme alla varietà testimone ‘Spunta', presso Capaccio Scalo (Sa). Il campo sperimentale è stato suddiviso in due parti, una arricchita con il compost e l'altra con normali fertilizzanti.
Le patate coltivate su suolo compostato hanno mostrato: concentrazioni più elevate di potassio, nessuna differenza nelle proprietà organolettiche e nessuna alterazione molecolare. Inoltre, la qualità dei suoli è notevolmente migliorata.



Alla luce dei risultati ottenuti, la CIA auspica, da una parte, che questa sperimentazione sia assunta dai produttori locali, vista anche la disponibilità sul territorio dell'impianto di compostaggio del Comune di Salerno, che chiuderebbe il ciclo virtuoso in una filiera corta e, dall'altra, una pronta sensibilizzazione da parte dell'industria di trasformazione.
La produzione e l'impiego del compost sui suoli agrari potrebbe fornire una risposta ecocompatibile e sostenibile allo smaltimento dei rifiuti organici. Infatti, come dichiara il Prof. Stefano Castiglione, curatore della ricerca: "l'uso del compost in sostituzione dei fertilizzanti minerali non solo contribuisce a ridurre l'impatto ambientale in agricoltura, ma soprattutto non determina una contrazione della produttività e non inficia la qualità del prodotto", garantendo allo stesso tempo una maggiore salvaguardia della salute del consumatore.

Clicca qui per visualizzare il programma del convegno.

Fonte: Ufficio Stampa Legacoop Campania
 


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: