eventi
FRUIT LOGISTICA
Berlino
6-8 Febbraio 2019
BIOFACH 2019
Norimberga
13-16 Febbraio 2019
CIBUS CONNECT
Parma
10-11 Aprile 2019
MACFRUT 2019
Rimini
8-10 Maggio 2019

leggi tutto

lunedì 5 ottobre 2015


Vivaismo: Hort valuta le piante di fragole e piccoli frutti

Le piante di fragola prodotte dai vivai si distinguono in base alle dimensioni e alla tecnica di propagazione utilizzata (materiale di partenza, presenza di pane di terra, tipo di contenitore, etc.) e per ciascuna categoria solo alcuni elementi qualitativi risultano importanti per il raggiungimento del livello produttivo atteso da quel tipo di materiale.
Per valutare la capacità delle piante di soddisfare le attese produttive si sono sviluppati alcuni strumenti innovativi di supporto alle decisioni che, esaminando il potenziale produttivo delle piante, permettono di fornire informazioni utili a ottimizzare la tecnica vivaistica e di coltivazione, rispondendo alla necessità di raggiungere un'alta capacità di controllo del ciclo colturale, al fine di aumentare le produzioni e pianificarle al meglio.
 
La qualità del materiale vivaistico
La qualità delle piante prodotte in vivaio, pertanto, non dipende solo dalla cultivar e va oltre il loro aspetto e le loro dimensioni, poiché una adeguata valutazione del materiale va correlata al suo possibile utilizzo in campo definendone l'attitudine produttiva. Questo comporta ad esempio che per ciascuna categoria commerciale di piante (frigoconservate, tray, minitray, waiting bed, etc.) solo alcuni elementi qualitativi risultino prioritari e indispensabili per il raggiungimento di uno specifico livello produttivo atteso.
Il potenziale produttivo è determinato dalla presenza di fiori in seguito ai processi che portano alla loro formazione (induzione e differenziazione) che derivano dalla sensibilità delle gemme a fattori ambientali, in primo luogo temperatura e durata del giorno, e altri fattori colturali, agronomici e nutrizionali. Il comportamento vegetativo e produttivo della pianta può essere quindi modulato, agendo sull'ambiente e sulla tecnica di coltivazione durante la fase di produzione delle piante in vivaio. Piante moltiplicate in condizioni climatiche o colturali differenti possono presentare un numero di germogli, di stoloni, di infiorescenze o di fiori per infiorescenza molto variabile che manifestano pertanto specifiche esigenze di gestione e maggiore o minore idoneità a produrre in determinati contesti. Queste piante sono generalmente pronte in autunno, e lo stadio di sviluppo raggiunto dalle infiorescenze determina il momento più idoneo per essere prelevate dal vivaio.

L'architettura delle piante

Tutte le informazioni relative al numero di infiorescenze, alla loro posizione lungo il germoglio e alla fase di sviluppo di ciascuna infiorescenza sono importanti per basare la qualità delle piante sulla loro potenzialità produttiva e possono essere fornite da una valutazione onnicomprensiva, definita analisi dell'architettura delle piante, che, basandosi sull'osservazione del destino delle gemme e della loro disposizione spaziale, rappresenta un utile strumento di supporto alle decisioni che trova applicazione in particolare per supportare la produzione di piante destinate a colture programmate, soprattutto di fragola. Fornendo una descrizione morfologica, fisiologica e dello sviluppo sia vegetativo sia riproduttivo delle piante, permette di stimare l'entità (numero di fiori prodotti), l'epoca e la scalarità della produzione potenziale delle piante molto prima che i fiori siano visibili e di adeguare di conseguenza la tecnica colturale.
L'architettura della pianta può essere schematizzata in una forma grafica che mostra i diversi elementi (foglie, infiorescenze, germogli, stoloni), altrimenti difficilmente visibili in piante piccole e compresse come sono quelle di fragola.

Garanzia di qualità

La società cooperativa Hort, fondata ad Ancona nel 2011 come spin-off dell'Università Politecnica delle Marche, offre un servizio altamente qualificato e specializzato di valutazione  delle piante da frutto, attraverso l'analisi dell'architettura. La società si è affermata nel settore a livello nazionale e internazionale, forte delle competenze specifiche maturate dal proprio personale nell'ambito della fisiologia vegetale, in anni di esperienza nella ricerca accademica presso il dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali della stessa Università. La società prosegue l'approccio di ricerca sulla fisiologia delle piante di fragola elaborando studi scientifici sull'argomento e partecipando a convegni internazionali.

La Hort esegue analisi principalmente su piante di fragola, ma il servizio è disponibile anche per lampone, rovo e ribes e può essere sviluppato su altre specie (ad es. ornamentali); lo stesso approccio risulta infatti di sempre maggiore interesse, in particolare nella produzione di piante di lampone.
I risultati delle valutazioni vengono forniti in modo dettagliato e in una sintesi grafica di immediata visualizzazione, diventata familiare e di facile comprensione agli addetti ai lavori, usando un codice di informazioni riconoscibile e interpretabile.


 
La valutazione della qualità fornita da questo servizio rappresenta un mezzo con cui si sviluppa il rapporto di fiducia tra vivaisti e agricoltori e uno strumento sempre più indispensabile per garantire la competitività del prodotto e fornire informazioni di base per scegliere le soluzioni tecniche e colturali più appropriate.

Per i vivaisti le analisi sono un valido aiuto per orientare la tecnica di produzione (epoca di propagazione, tipo di contenitore, trapianto ecc.) e una garanzia della qualità delle piante offerte. Dalla preparazione delle piante in vivaio dipende infatti una parte importante della loro capacità produttiva una volta messe in coltivazione.
Inoltre, le analisi consentono ai coltivatori di adeguare la tecnica di coltivazione (data e densità d'impianto, concimazioni, forzature) in modo da ottenere dalle piante le migliori prestazioni, conoscendone in anticipo le caratteristiche, e rappresentano una garanzia della reale qualità agronomica delle piante da acquistare, in modo da pagare il materiale per il suo effettivo valore produttivo.

Infine, agevolano il lavoro di selezione dei costitutori varietali come strumento per valutare le attitudini vegeto-riproduttive di nuove cultivar e la loro idoneità a diversi cicli di coltivazione e obiettivi produttivi, fornendo informazioni relative alla differenziazione a fiore (epoca, sensibilità a fattori esterni), al tipo di rifiorenza, al modello di produzione e sviluppo.

Contatti:
H.O.R.T. Soc. Coop.
Ancona – Italia
Dott.ssa Francesca Massetani
E-mail: info@hort.it
Web: www.hort.it
 
 
 


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: