eventi
TSW 2020
Varsavia (Polonia)
15-16 Gennaio 2020

FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

mercoledì 10 aprile 2013


FRAGOLE, UNO SGUARDO ALL'ANNATA APPENA COMINCIATA: INTERVISTA A ILENIO BASTONI, DIRETTORE COMMERCIALE APOFRUIT ITALIA

La campagna commerciale 2013 è partita con un ritardo di 2/3 settimane rispetto al normale a causa dell'andamento climatico molto sfavorevole non solo in Italia. Anche i consumi sono partiti a rilento in tutta Europa perché il clima freddo e piovoso non stimola la richiesta di un prodotto che è considerato il frutto della primavera per eccellenza. Le quotazioni delle fragole spagnole, che in questo periodo dominano il mercato, sono piuttosto basse.
Premesso che "grazie alla differenziazione territoriale le fragole sono presenti sul mercato per 12 mesi all'anno, Apofruit ha puntato molto in questi anni sulla valorizzazione della vocazione territoriale - afferma Ilenio Bastoni (nella foto), direttore commerciale Apofruit Italia - e quindi produciamo Candonga in Basilicata, Sabrina in Campania, Albion nella Sila dove riusciamo a realizzare una produzione simile a quella del Trentino, ed a seguire le altre varietà tipiche della Romagna".
"La scelta di specializzarci per linee di qualità ottimale valorizzando il prodotto al top di gamma con il marchio Solarelli è una scelta che sta dando ottimi risultati perché la marca è riconosciuta come garanzia di qualità, sapore e serbevolezza – spiega -. Il consumatore quando compra le fragole, lo fa per il piacere di sentire un buon sapore, la dolcezza, il profumo e con il marchio Solarelli noi garantiamo tutto questo. È una scelta premiante perché la richiesta è elevata e, anzi, posso dire che l'affermazione del marchio Solarelli è iniziata proprio grazie alle fragole che hanno poi trascinato in positivo gli altri prodotti ad alta qualità caratterizzati con il marchio".
In relazione ai canali commerciali "la maggior parte della nostra produzione è indirizzata tradizionalmente al mercato interno e va detto che in Europa, nella prima fase della campagna, la Spagna domina il mercato con grandi concentrazioni di offerta. Successivamente, nel periodo più tardivo si è molto affermata in questi anni nei paesi del Nord Europa, in primo luogo in Germania, la produzione locale e quindi è difficile trovare spazi commerciali. Tuttavia ultimamente l'export di fragole Apofruit è in crescita soprattutto verso Germania, Austria e Svizzera dove cerchiamo di sfruttare le finestre commerciali di ingresso in momenti favorevoli, quando non c'è pressione da parte dei concorrenti spagnoli e si crea interesse per la produzione di alta qualità" afferma Bastoni.
"Per l'esportazione abbiamo risultati molto soddisfacenti con le fragole biologiche a marchio Almaverde Bio. Oltre il 20-25% delle nostre fragole biologiche è destinato all'export e la domanda è in ascesa. La produzione biologica inizia a fine marzo dalle aziende del Sud per poi salire e concentrarsi sull'Emilia Romagna con un calendario di produzione che termina la prima settimana di giugno" conclude.

Fonte: Ortofrutta d'Italia - CSO


Altri articoli che potrebbero interessarti: