eventi
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

martedì 30 aprile 2013


BASSANO APPROVA DE.CO. IL MARCHIO DENOMINAZIONE COMUNALE DI ORIGINE, UN INCENTIVO ALL'INGRESSO NEL MERCATO DEI PRODOTTI TIPICI

Bassano dà il via libera ai De.Co. Il consiglio comunale ha approvato il regolamento dei prodotti a Denominazione comunale di origine. Il prossimo passo sarà l'istituzione di una commissione di valutazione e, tempo un paio di mesi, l'iscrizione in un registro delle eccellenze alimentari, prodotti o ricette tipiche locali. “Non vogliamo sovrapporci ai marchi Dop o Igp che sono disciplinati dalla normativa europea – precisa l'assessore al turismo Alessandro Fabris – né creare doppioni. Vogliamo riconoscere, come prevede la legge che istituisce i De.Co., i prodotti agroalimentari che fanno parte della tradizione locale e che non potrebbero aspirare a certificazioni diverse. L'obiettivo è inserirli nella rete di promozione che sta sorgendo in provincia di Vicenza e favorirne l'ingresso nel mercato”.
In sostanza, dove già c'è il marchio Dop o simili, non potrà trovare posto il De.Co. Tra i prodotti prossimi alla certificazione, ai primi posti figurano il broccolo di Bassano, le castagne di Valrovina e prodotti di pasticceria. A questa prima terna, altri prodotti per i quali si prospetta l'inserimento nel registro sono il piatto tipico “Sparasi e ovi”, la cipolla rosa, il sedano di Rubbio e le meringhe.
Sulle possibilità effettive di attribuzione del marchio De.Co, Fabris preferisce attendere le decisioni della commissione, concentrandosi per ora sui riflessi per l'economia locale. “La denominazione comunale - rileva - nei casi in cui è stata concessa, ha favorito un aumento di produzione e vendite prossimo al 20%. Tradotto in cifre, significa che la produzione di broccolo bassanese potrebbe passare dagli attuali 900 quintali (su una superficie complessiva coltivata prossima ai 5 ettari) a oltre 1.100, per un fatturato che dagli attuali 200 mila euro l'anno salirebbe a 240 mila.
“Un incremento – commenta l'assessore – che in tempi di crisi sarebbe una buona notizia. L'importante, però, è usare il marchio De.Co. con buon senso, promuovendo la qualità. Bassano non è isolata, ma fa parte di un territorio che in futuro potrebbe anche coordinarsi per promuovere i propri prodotti tipici”. Quanto all'ipotesi che la commissione, presieduta dal sindaco o da un suo delegato, possa essere condizionata da pressioni politiche, Fabris allontana i dubbi: “gli 8 componenti – dichiara – saranno scelti tra tecnici dei settori agroalimentare e gastronomico e nominati da maggioranza e opposizione. Quanto alla possibilità di candidare un alimento al marchio De.Co., l'abbiamo aperta a tutti i cittadini. Sarà sufficiente presentarsi in Comune”.

Fonte: Il Giornale di Vicenza


Altri articoli che potrebbero interessarti: