eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

venerdì 8 novembre 2013


IL CAAB CONSEGNA 108 ORTI: AL VIA L'ATTIVITÀ DEL PROGETTO 100X100 ORTI URBANI

Dopo la grande scommessa avviata con l'edificazione, in questi mesi, del più grande impianto fotovoltaico su tetto in Europa e dopo aver annunciato l'impegno per la valorizzazione delle eccellenze nazionali dell'agro-alimentare con il progetto del F.I.CO. - Fabbrica Italiana Contadina, il Caab vara un ulteriore progetto pensato per "Bologna città sostenibile": 100x100 Orti Urbani è il punto di partenza di una grande campagna di educazione alimentare e ambientale, con tremila metri quadrati della superficie del Caab riconvertiti in 108 Orti Urbani della superficie di 25 metri quadrati l'uno, destinati a 108 orticoltori selezionati su 500 richieste pervenute in queste settimane, privilegiando – come da criteri del bando – gli studenti under 30 e le giovani famiglie con figli.
E nei giorni dell'estate di San Martino, che simbolicamente conclude l'annualità agricola per riaprire una nuova stagione, i 108 Orti saranno consegnati domenica 10 novembre (ore 15.00), con l'insediamento degli assegnatari e il primo simbolico ‘colpo di zappa'. Accanto ai 108 Orti Urbani è stata predisposta un'area di circa 1.000 metri quadri per attività didattiche e sperimentali ad uso di studenti e ricercatori dell'Università di Bologna, per supportare questa campagna di educazione alla sostenibilità ambientale, ai principi della sana e corretta alimentazione. Non a caso sono in fase di organizzazione molte iniziative collaterali con l'Ausl di Bologna, anche in prospettiva di Vegetabilia 2014 che sarà dedicata interamente agli orti, e con l'Università di Bologna - Dipartimento Scienze Agrarie, Centro Studi e Ricerche Agricoltura Urbana e Biodiversità, che curerà l'assistenza tecnica sul campo, con un ricercatore presente quotidianamente presso gli orti, il corso base di orticoltura urbana (in tre incontri per un massimo di 35 persone, su prenotazione), e ulteriori workshop di approfondimento su temi specifici, dalla gestione agroecologica degli orti alle piante spontanee edibili.
Ogni assegnatario riceverà inoltre il manuale "L'orto urbano sostenibile", uno strumento agile ed esaustivo per chiunque voglia cercare un approccio realmente ecologico alle colture, piccole o grandi, in ambito urbano.
Alla cerimonia di consegna e insediamento degli Orti Urbani del CAAB interverranno, domenica alle 15, gli Assessori del Comune di Bologna al Commercio Nadia Monti e all'Ambiente Patrizia Gabellini e il Presidente del CAAB Andrea Segrè, con il Direttore generale Alessandro Bonfiglioli e il Direttore marketing Duccio Caccioni, coordinatore del progetto Orti.
100x100 Orti Urbani è un progetto realizzato secondo i canoni della sostenibilità: l'irrigazione non utilizza acqua di acquedotto, bensì acqua di bonifica e piovana recuperata e conservata in cisterne. La coltivazione avverrà con metodo biologico. E dagli scarti del mercato ortofrutticolo sul posto verrà formato del compost organico per la concimazione. Nel 2014, inoltre, si lavorerà a un prototipo di orto con tecnologia smart. L'area 100X100 è integrata con il CAAB/Mercato ortofrutticolo di Bologna. I giovani e le famiglie assegnatarie avranno a disposizione un'area nel padiglione produttori del mercato per scambiare i prodotti in eccesso. Saranno inoltre distribuite le tessere per il punto vendita "all'ortomercato" per acquistare prodotti a prezzi scontati. Ciascun orto ben coltivato potrà rendere circa 150-180 kg di prodotti all'anno. Prezioso valore aggiunto sarà la riscoperta, valorizzazione e tutela delle antiche varietà locali (heirloom), da ritrovare grazie anche all'aiuto degli agricoltori associati di maggiore anzianità ed esperienza e con l'apporto dei gruppi di ricercatori delle vecchie varietà (seedseekers) attivi sul territorio, con l'utilizzo di semi di varietà tradizionali, ad impollinazione libera, salvati, conservati e tramandati di generazione in generazione in famiglia o nella comunità.

Fonte: AgenParl


Altri articoli che potrebbero interessarti: