eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

lunedì 28 aprile 2014


COSTITUITO IL POLO DISTRETTUALE DEL POMODORO DA INDUSTRIA DEL CENTRO-SUD ITALIA

Si è costituito, alla presenza del notaio Emma Cammarota, il primo Polo Distrettuale del pomodoro da industria del Centro Sud Italia, l'unica aggregazione di filiera nata grazie alla volontà delle parti di autoregolamentarsi, senza una specifica previsione normativa in tal senso.

Il Polo distrettuale è composto dalla quasi totalità delle aziende di trasformazione del pomodoro e dalle organizzazioni di produttori. Un risultato importante raggiunto grazie all'impegno e alla tenacia di tutti gli attori della filiera, ed in particolare delle Unioni delle Organizzazioni dei Produttori Ortofrutticoli Italia Ortofrutta e Unaproa, di Fedagri, oltre che delle Organizzazioni Professionali Agricole (Cia, Confagricoltura, Fedagri e Coldiretti), delle Organizzazioni sindacali di categoria e della più grande associazione di industrie private della trasformazione del pomodoro, l'ANICAV.

Il Distretto, che abbraccia le regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Molise, Puglia, Toscana, Sicilia e Sardegna, rappresenta l'Organo regolatore dei rapporti di filiera in termini di governo delle strategie e di gestione delle informazioni e dei dati utili a supportare le scelte produttive e quelle di mercato.

Sarà un Comitato di Coordinamento provvisorio, composto da 6 membri – 3 di parte agricola e 3 di parte industriale – a guidare il Polo nella sua fase di avvio. Il Comitato provvederà, tra l'altro, ad organizzare l'assemblea per la nomina degli organismi per il triennio 2014/2017 e a definire l'accordo distrettuale da sottoporre alla prima assemblea, che sarà convocata nei prossimi 60 giorni.

L'integrazione della filiera è un obiettivo primario: il Distretto sarà sede di confronto, di negoziazione e di programmazione delle quantità e del prezzo della materia prima.
Altro obiettivo sarà il miglioramento della qualità dei prodotti e della sicurezza igienico sanitaria nell'interesse dei consumatori attraverso l'interazione tra comparto produttivo e ricerca scientifica.
Il Distretto avrà anche il compito di rilanciare l'immagine del settore del pomodoro da industria del Centro Sud Italia attraverso il coordinamento tra i diversi soggetti della filiera.
 
Fonte: Ufficio Stampa Unaproa


Altri articoli che potrebbero interessarti: