eventi
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

venerdì 23 maggio 2014


CONSORZIO DI TUTELA POMODORO DI PACHINO: ANCHE IL DATTERINO DIVENTI IGP

Le tre tipologie di pomodoro di Pachino attualmente riconosciute come Igp potrebbero aumentare. E' stata inoltrata una richiesta dai dirigenti del Consorzio di tutela Igp Pomodoro di Pachino al Ministero per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali per ottenere il riconoscimento di Identità Geografica Protetta anche alla varietà datterino, che sempre più è richiesta e apprezzata nei mercati nazionali ed esteri. Al momento le tre varietà riconosciute come Igp sono il ciliegino, il costoluto e il tondo liscio (che può essere a frutto singolo o a grappolo).

"Abbiamo richiesto al Ministero di inserire anche le tipologie plum e miniplum - spiega il Presidente Sebastiano Fortunato - per dare maggiore forza al brand 'Pomodoro di Pachino' attraverso un prodotto ampiamente apprezzato nei mercati nazionali e internazionali. Si tratta di un percorso burocratico complesso e ringraziamo i professionisti e i consulenti, tra cui l'esperto di progettazione Salvatore Francavilla, che ci hanno accompagnato in questa attività".

"La richiesta di modifica del disciplinare di produzione vigente viene effettuata su interesse dei produttori - aggiunge il Direttore Salvatore Chiaramida - al fine di non discriminare gli operatori che operano nella zona di produzione del Pomodoro di Pachino Igp individuata come area geografica delimitata. Infatti le caratteristiche del territorio si riflettono anche sulle suddette tipologie nello stesso modo in cui influiscono sulle tipologie già richieste e approvate".

Le tipologie ‘plum e miniplum' hanno uno stretto legame con il territorio ed hanno beneficiato anch'esse delle imprescindibili caratteristiche dello stesso. Oggi, le tipologie in questione, grazie al favore ottenuto nei mercati, hanno raggiunto una quota consistente di produzione eguagliando la produzione delle altre tipologie di pomodoro di Pachino a marchio IGP. Questa variazione del disciplinare di produzione tutela il prodotto legandolo alla zona di coltivazione e arricchisce la denominazione di origine garantendo il consumatore sulla provenienza del prodotto.

Fonte: Ufficio Stampa Consorzio di tutela Igp Pomodoro di Pachino
 


Altri articoli che potrebbero interessarti: