eventi
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

venerdì 6 giugno 2014


Distretto di Pachino, "SOS" a Martina: "Raffica di chiusure, urge l'intervento della politica"

Il Consorzio per la Tutela dell'IGP Pomodoro di Pachino, la FAPP (Filiera AgroAlimentare Pachino Portopalo) e l'ATPTP (Associazione Tutela Prodotti Tipici Pachino) hanno inviato ieri una lettera congiunta al Ministro Maurizio Martina per richiedere la convocazione urgente di un tavolo tecnico-istituzionale, con l'obiettivo di discutere in tempi stretti interventi precisi per:
- posizionare e valorizzare adeguatamente i prodotti a marchio DOP e IGP;
- sgravare alcuni costi di produzione (per esempio: fiscalizzazione degli oneri sociali e dei costi del gasolio);
- controllare le politiche di cartello operate dalla grande distribuzione a danno dei prodotti di provenienza certa, controllata e certificata.

Nella lettera, firmata da Massimo Pavan (Vice-Presidente Consorzio Tutela IGP Pomodoro di Pachino), Sebastiano Dipietro, (Presidente FAPP) e Sebastiano Barone (Presidente ATPTP), le tre parti spiegano al Ministro che il distretto agricolo pachinese è giunto ad un punto di criticità insostenibile: "ogni giorno - scrivono - chiudono i battenti imprese che fino a ieri davano lavoro a centinaia di famiglie, e tutta l'economia del comprensorio, notoriamente basata sulla produzione di ortofrutta la cui qualità ci viene riconosciuta da tutti i mercati, oggi versa in uno stato di gravissima difficoltà". Occorre quindi, prosegue la lettera, "interviene subito per arginare una serie di anomalie che compromettono il regolare svolgimento della nostra attività", altrimenti non si potrà superare la crisi in atto. "E su questo versante riteniamo che l'azione politica possa essere decisiva". (d.b.)

Clicca qui per scaricare la lettera aperta inviata al Ministro Martina.

Copyright Italiafruit News
 


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: