eventi
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

mercoledì 11 giugno 2014


Reparto ortofrutta, ad aprile finalmente una boccata d'ossigeno

Dall’analisi sui dati di vendita dell’ortofrutta nella GDO arriva finalmente una buona notizia: nel mese di aprile si assiste a un sensibile innalzamento dei consumi in supermercati e ipermercati italiani.



Un incremento di 2,6 punti percentuali nelle vendite a volume per il totale ortofrutta e ben un +3,8%, se si analizza la sola verdura. In valore i dati sono ancora negativi, ma migliorano sensibilmente rispetto alla rilveazione del mese precedente.
Riprendendo la news del mese scorso in cui accennavamo all’aumento dell’indice ISTAT della fiducia dei consumatori (clicca per leggere: MARZO NERO NELLA GDO, LE VENDITE CONTINUANO A CALARE. IL CONSUMATORE SI RIFUGIA NEL PRODOTTO SFUSO) c’è da dire che, a differenza di marzo, in aprile sembra apparire una certa correlazione fiducia-vendite. L’indice infatti aumenta ancora raggiungendo il valore di 105,4 da 101,9 di marzo (2005=100, vedi link sito web Istat), quando già si era registrato un elevato incremento rispetto al mese prima.
In prima battuta viene da pensare possa esserci un collegamento con la promessa degli 80 euro in busta paga di Renzi che ha cominciato ad echeggiare in modo sostenuto nelle orecchie degli italiani da marzo e forse ad aprile ha dato i primi segnali.
La seconda ipotesi è che il calo prezzi - evidenziato da trend decrescenti nelle vendite a valore anche di  oltre tre punti percentuali - abbia agevolato gli acquisti. Quest’ipotesi è di gran lunga la meno affascinante, ma se guardiamo indietro non sarebbe la prima volta che succede. Da adesso monitoreremo i due trend costantemente.



Dando uno sguardo alle superfici di vendita, sembra che gli ipermercati vadano un po’ meglio dei super, anche se questi ultimi non performano male rispetto al totale. Dal punto di vista, invece, delle modalità di vendita si nota come il calo prezzi abbia coinvolto più che altro il peso variabile. Il peso imposto, però, tiene sia a valore che a volume.



Approfondiremo nelle prossime uscite le dinamiche per macro categoria e specie così da capire quali di queste abbiano maggiormente influito su questi risultati, una volta tanto rincuoranti.

Copyright Italiafruit News


Alfonso Bendi
Senior Marketing Specialist
alfonso@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: