eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019

leggi tutto

mercoledì 27 maggio 2015


L'Ue approva 24 Psr, cinque sono dell'Italia

La Commissione europea ha approvato ieri su proposta del responsabile dell'agricoltura europea, Phil Hogan, 24 nuovi programmi comunitari di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020, di cui cinque sono italiani. Si tratta del programma nazionale per la Rete si sviluppo rurale e di quelli relativi alla Provincia autonoma di Bolzano e delle Regioni Emilia Romagna, Toscana e Veneto. Gli Stati membri interessati alla decisione presa oggi dalla Commissione europea sono, oltre all'Italia, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Germania, Irlanda, Romania, Spagna, Svezia e Regno Unito.

Per questi programmi l'Ue mette a disposizione un finanziamento pari a 27 miliardi di euro del bilancio europeo, a cui si aggiungono ulteriori fondi pubblici a livello nazionale, regionale e privato. Per l'Italia, in particolare, la Commissione europea ha approvato finanziamenti Ue pari a 59,7 milioni di euro per la Rete nazionale di sviluppo rurale; di 158 milioni per il programma della Provincia autonoma di Bolzano; di 513 milioni per quello della Regione Emilia Romagna; di 414,7 milioni per il programma della Toscana e di 510,7 per quello del Veneto.

Tra le azioni prioritarie approvate c'è l'ammodernamento delle aziende agricole, il sostegno ai giovani agricoltori, la gestione sostenibile del territorio e il miglioramento delle infrastrutture a banda larga. Secondo la valutazione dell'Esecutivo Ue, i programmi di sviluppo rurale adottati oggi sono tenuti a ''creare più di 40mila posti di lavoro nelle zone rurali e circa 700mila posti di formazione", per favorire l'innovazione, il trasferimento delle conoscenze, pratiche agricole più sostenibili e imprese rurali più forti.

''Uno dei grandi punti di forza del nostro concetto di sviluppo rurale - ha commentato il commissario alla Pac Hogan - è che abbiamo priorità fondamentali, ma spetta a ciascuno Stato membro o Regione progettare un programma adatto alle proprie sfide e opportunità''. I programmi approvati oggi - ha proseguito - ''offrono finanziamenti per una serie di progetti dinamici e quasi tutti sosterranno progetti di innovazione nell'ambito del partenariato europeo per l'innovazione''.

Fonte: Ansa


Leggi altri articoli su:

Ue

Altri articoli che potrebbero interessarti: