eventi
IPM ESSEN 2020
Essen (Germania)
28-31 Gennaio 2020
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
FRESKON 2020
Salonicco (Grecia)
2-4 Aprile 2020

MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

venerdì 26 giugno 2015


Il marketing? «Meglio farlo gestire ai ventenni»

Responsabili d'azienda troppo vecchi (clicca qui per vedere la notizia). Non ce ne vogliano i "meno giovani", ma anche Philip Kotler, guru del marketing mondiale, ha detto recentemente che per quanto riguarda il suo campo è "preferibile assumere un ventenne per seguire il marketing di una azienda" rispetto agli adulti che oggi sono responsabili di quest'area.

Il cliente, già oggi, è co-creatore del prodotto

Il marketing sarà, a detta di Kotler, "sempre più digitale e social" in quanto siamo di fatto entrati nell'era della partecipazione. Aspetto che dà ancora più importanza allo sviluppo di una comunicazione spinta sul canale dei social media, anche per le aziende ortofrutticole italiane che evocano con i loro prodotti emozioni di gusto, passione, arte e benessere fisico. E chi meglio di un giovane e competente laureato potrebbe gestire il marketing? Ma, attenzione, il compenso da corrispondergli (così come quello dato ad altri dipendenti di livello più basso) dovrà essere adeguato alle specifiche responsabilità e al contesto di riferimento, visto che – come sottolinea Kotler – la correttezza del salario sarà un altro asse portante delle future attività di successo.

In un mondo sempre più globalizzato e che, attraverso i social, è alla continua ricerca di argomenti per attaccare aziende a destra e a manca, è bene sapere che è ormai deleterio nascondere potenziali "difetti". La vicenda dell'olio di palma ci insegna per esempio che già oggi sono i consumatori a decidere direttamente cosa vogliono o non vogliono in un prodotto alimentare e non più l'azienda a seguito di ricerche di mercato. Anche se non ce ne rendiamo conto, è già iniziato il processo che porta il cliente a diventare un co-creatore diretto dei prodotti e servizi offerti. E le aziende, in questo quadro, dovrebbero cominciare ad approcciare una nuova politica di trasparenza e collaborazione a 360 gradi con la clientela. 


Philip Kotler

L'abbandono delle 4P del marketing mix

Un'altra assoluta novità che ci lascia Kotler è che le 4 leve del marketing mix (product, price, placement, promotion) sono diventate un concetto obsoleto, legato alla vecchia scuola. Bisogna guardare avanti. Ormai le 4 P stanno infatti lasciando posto ad una nuova formula che prevede 2 nuove determinati: people e planet, mentre l'unica vecchia P a rimanere è il prodotto, quale unico fattore tangibile di assoluto rilievo. Cosa significa? Il prodotto rimane la base, ma al contempo serve instaurare un rapporto diretto con i cittadini globali che sono sempre più preoccupati per la sostenibilità dei prodotti e dei servizi che acquistano. "Oggi – dice Kotler – dobbiamo confrontarci con la scarsità di risorse", mentre nei decenni passati la società mondiale ha pensato di "avere a disposizione risorse infinite: potevamo tagliare più alberi, pescare più pesce, ecc.".

Il marketing dei prossimi anni sta in queste poche righe. Potete starne certi.
 
Copyright 2015 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: