eventi
MACFRUT  DIGITAL

8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

martedì 28 luglio 2015


Cobolli Gigli: ripresa? Siamo l'economia dello zero virgola

I dati pubblicati dall'Istat relativi al mese di maggio 2015 registrano complessivamente una variazione pari al +0,3% nella dinamica delle vendite a valore al dettaglio nel confronto con maggio 2014. L'alimentare segna un +0,6% e il non alimentare un +0,1%. Per quanto riguarda i dati a volume Istat rileva in maggio un calo complessivo del -0,2% rispetto al 2014, con l'alimentare a -0,3% e il non alimentare a 0,0%.
Dall'inizio dell'anno i dati a valore segnano un +0,2%, con l'alimentare a +0,6% e il non alimentare a 0,0%.

"I dati Istat di maggio confermano che siamo lontani da una vera ripresa dei consumi – commenta Giovanni Cobolli Gigli, Presidente di Federdistribuzione –. Le vendite al dettaglio oscillano ogni mese tra il segno più e il segno meno, muovendosi di pochi decimali intorno allo zero. Siamo di fronte a una "economia dello zero virgola": non più in terreno negativo ma ancora incapace di crescere. Una situazione di stallo che coinvolge anche l'inflazione, ferma a un +0,1% negli ultimi due mesi per la debolezza della domanda, il tasso di disoccupazione bloccato al 12,4% e la produzione industriale, che si è mossa dello 0,5% nei primi 5 mesi dell'anno.

"Un quadro sul quale occorre intervenire con determinazione, sostenendo e stimolando le famiglie in questo loro lento e graduale percorso di recupero della fiducia e del passato tenore di vita. Il Governo sembra intenzionato a seguire questo percorso, perseguendo un programma di riforme e intervenendo sull'assetto fiscale del Paese. Fondamentale è trovare una strada per recuperare le risorse necessarie che non contempli l'applicazione delle clausole di salvaguardia previste nelle Leggi di Stabilità 2014 e 2015, un provvedimento che comporterebbe nel triennio 2016-2018 un calo del PIL di 1,2 punti e una caduta dei consumi del 2,9%" conclude Giovanni Cobolli Gigli.

Fonte: Federdistribuzione
 


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: