eventi
FUTURPERA
Ferrara
16-18 Novembre 2017
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 2017
Milano
30 Novembre 2017
EXPOSE 
Karlsruhe (Germania)
22-23 Novembre 2017
WOP DUBAI
Dubai
5-7 Dicembre 2017
MARCA
Bologna
17-18 Gennaio 2018
FRUIT LOGISTICA 2018
Berlino (Germania)
7-9 Febbraio 2018
MACFRUT 2018
Rimini
9-11 Maggio 2018

leggi tutto

venerdì 13 novembre 2015


Apo Conerpo, Federbio, Unaprol: fondi Ue per la promozione

L'Unione europea finanzierà per tre anni e con quasi 8 milioni di euro la promozione di prodotti alimentari 'made in Italy', su un totale di 108 milioni a livello Ue. Dall'olio al biologico, la Commissione europea ha dato il via libera a quattro programmi di promozione dei prodotti italiani, che partiranno l'anno prossimo. "Questi programmi sono importanti per creare nuove opportunità di mercato, in particolare al di fuori dell'Ue, e quindi aiutano a stimolare crescita e occupazione nel settore agroalimentare" ha detto il commissario europeo all'agricoltura, Phil Hogan.

Ad aggiudicarsi la fetta maggiore è Federbio, con 2.290.500 euro di fondi europei, su un investimento complessivo di 4.851.000 euro, che parte alla conquista di nuovi mercati in Cina, Giappone, Usa e Canada.

La frutta e verdura fresca dell'organizzazione Apo Conerpo spenderà 3.711.246 euro per trovare nuovi consumatori in Italia, con 1.855.622 euro di contributi europei.

L'olio e le olive di Unaprol incassano invece 2.146.628 euro di risorse comunitarie, per una spesa totale di 4.581.000 euro destinati alla promozione in Italia, Germania e Gran Bretagna. Austria, Repubblica Ceca, Ungheria e Polonia sono invece i Paesi sui quali puntano i consorzi di Parmigiano Reggiano, Gorgonzola e Asiago, con un finanziamento di 1.483.334 dall'Ue su un investimento che ammonta a 2.966.670.

Scalda intanto i motori il nuovo programma europeo di promozione, che a livello Ue conta su un bilancio di 111 milioni di euro per il 2016. Partirà il primo dicembre e comincerà ad erogare finanziamenti dalla fine dell'anno prossimo.

Fonte: ANSA


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: