eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

martedì 22 dicembre 2015


Regno Unito, ortaggi imperfetti sulle tavole di Natale?

Frutta e verdura imperfetta anche a Natale? Ci provano i britannici di Morrisons, che anche durante le feste proporranno articoli ortofrutticoli freschi con forme e dimensioni fuori dal comune. La decisione, che sarà comunque un test significativo, deriva dall'ottimo riscontro che questa linea di prodotti ha fornito negli scorsi mesi.

Morrisons non è certo il primo retailer in Europa ad aver accettato la sfida delle "Wonky fruits and vegetables", ma è di sicuro tra i più attivi e prova sempre ad aggiornare l'offerta, rendendola varia nel tempo. Morrisons era partito, infatti, con carote, cipolle, patate e pastinache, ma nelle ultime settimane aveva introdotto anche dei cavoletti di Bruxelles decisamente "oversize": 40-45 mm di diametro e circa 35 grammi l'uno. La catena britannica aveva annunciato di commercializzarne più di 1.000 tonnellate per tutto l'inverno e, dato che questo ha comportato una revisione degli standard qualitativi imposti ai fornitori, è probabile che anche l'anno prossimo siano in assortimento.

Tutti questi prodotti, che si possono trovare facilmente sulle tavole dei consumatori inglesi in questo periodo, verranno distribuiti nelle regione del Nord-Est del Paese, dove Morrisons dispone di una fitta rete di vendita e può ottenere dati decisamente rappresentativi.

Come rileva il The Guardian, Morrisons commercializza solitamente nella settimana di Natale 6.500 tonnellate di patate e 650 di cavoletti: cifre praticamente raddoppiate rispetto alla media settimanale nel resto della stagione. Ovviamente, i consumatori vogliono portare sulle proprie tavole addobbate i prodotti migliori ma soprattutto quelli più scenografici e belli. Questo rende il test di Morrisons ancora più probante, perché se i "Wonky" ce la fanno anche in un contesto simile, allora possono candidarsi a punto di riferimento anche per l'assortimento del resto dell'anno.

L'inizio è incoraggiante: nelle prime settimane di dicembre, presso i punti vendita coinvolti nell'iniziativa, ci sono stati risultati decisamente promettenti per gli ortaggi imperfetti con incassi intorno alle 25mila sterline (più di 34mila euro). Come riferisce Drew Kirk, produce director di Morrisons, sicuramente i consumatori sono stati incentivati da un prezzo più conveniente e dal fatto che questi prodotti erano proposti esattamente di fianco a quelli "perfetti", in modo da lasciare la scelta direttamente a loro.

Traduzione ed adattamento a cura di Italiafruit News.



Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: