eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
SANA 
Bologna
6-9 Settembre 2019 
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

giovedì 28 gennaio 2016


Spagna, arriva la Dop per la melagrana Mollar di Elche

Nella lista delle ultime indicazioni geografiche registrate dall'Unione europea figura un noto prodotto ortofrutticolo spagnolo: la melagrana Mollar di Elche.

Il prodotto, tutelato con il marchio Dop "Granada Mollar de Elche/Granada de Elche", è caratterizzato dall'equilibrio fra l'acidità e gli zuccheri che conferisce un sapore dolce caratteristico, dalla colorazione esterna tra il giallo crema e il rosso e dal profilo antocianico degli arilli, che produce un colore da rosa intenso a rosso. La sua coltivazione avviene nella parte sud-orientale della Comunità di Valencia, nella provincia di Alicante, comprendente i Comuni delle aree di Bajo Vinalopò, Alacantì e Bajo Segura. Qui si concentra circa il 90 per cento della produzione spagnola di Mollar, con 3.000 ettari dedicati. La raccolta, che si svolge tra ottobre e febbraio, fornisce circa 50mila tonnellate l'anno.

Secondo Franciso Olive, presidente dell'Associazione dei produttori e dei commercianti di melagrana di Elche, il riconoscimento dell'Unione europea "è un evento storico per Elche, per le persone che abitano nella zona geografica della Dop e, soprattutto, per i produttori e tutti coloro che operano nel settore agricolo. Ora – prosegue – possiamo affermare con orgoglio che abbiamo elevato il valore della nostra melagrana e che, grazie al lavoro svolto dall'Associazione, siamo riusciti a proteggere la varietà, garantendole futuro e migliorando il suo profilo sui mercati internazionali". 

Nelle etichette identificative del prodotto destinato al consumo figurerà un marchio di conformità, che sarà identificato mediante un codice alfanumerico da apporre nell'impianto di condizionamento autorizzato, in modo tale da non poter essere riutilizzato e garantire la tracciabilità.
 
Traduzione ed adattamento a cura di Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: