eventi
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

martedì 26 aprile 2016


Standard di qualità, gli input Assomela recepiti a Ginevra

Dal 18 al 21 aprile si e` riunito a Ginevra il Gruppo di Lavoro per gli Standard di Qualita` dei prodotti Agricoli dell’Unece, la Commissione Economica delle Nazioni Unite, che ha tra gli altri l’obiettivo di normare standard di qualita` che definiscono le caratteristiche per la commercializzazione di frutta e verdura.

Alla riunione hanno partecipato i rappresentanti del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali ed Assomela con il direttore Alessandro Dalpiaz in qualita` di esperto esterno per il settore melicolo.
Questa presenza, costante ormai da diversi anni, ha contribuito a favorire il raggiungimento di compromessi positivi in grado di valorizzare la qualita` delle mele italiane a livello internazionale.

In occasione dell’ultima sessione si e` discussa una proposta avanzata dalla Germania che, se approvata, comporterebbe l’introduzione dell’obbligo di etichettatura delle mele con i nomi di tutte le singole mutazioni, selezionate nel tempo nell’ambito dei programmi di miglioramento genetico di istituzioni private o pubbliche, originate da una singola varieta` “madre”.

Considerato che le mutazioni approvate per i “gruppi varietali” sono ormai centinaia, e` comprensibile la complicazione che deriverebbe dalla attuazione della norma e la conseguente preoccupazione dei produttori.

Le perplessita` della delegazione Italiana, in linea con la posizione della Organizzazione Mondiale Mele e Pere (WAPA) e con quelle di diverse altre delegazioni presenti, sono state comprese e la proposta di standard che verra` dunque presentata a novembre 2016 al Comitato competente per la definitiva adozione recepisce i suggerimenti italiani e ingloba e garantisce un livello di flessibilita` adeguato per dare una corretta informazione ai consumatori riguardo alla qualita` del prodotto.

I produttori italiani di mele rappresentati in Assomela, nell’esprimere una buona soddisfazione, possono dire di avere trovato una vicinanza piena e solidale nel Ministero dell’Agricoltura Italiano per difendere la indiscutibile qualita` delle mele da proposte ritenute non adeguate.
L’incontro ha peraltro riguardato anche molti altri prodotti, per i quali l’intervento della delegazione del Ministero per l’Agricoltura ha permesso di indirizzare la discussione nella direzione della necessaria tutela della qualita`.

In sostanza, si e` ancora una volta percepita l’importanza strategica di essere presenti in tutte le sedi internazionali dove vengono discusse le caratteristiche dei prodotti ed in alcuni casi anche le modalita` di produzione e commercializzazione.

Utile in tal senso si e` anche dimostrato il lavoro di coordinamento avuto in particolare con la Francia e la Spagna in occasione del “Gruppo di Contatto” tenutosi a Trento l'8 aprile.
La positiva sinergia tra pubblico e privato in questa occasione si e` dimostrata utile e vincente; Assomela auspica che tale modello trovi maggiore e piu` convinta applicazione su tutti i grandi temi che, se ben affrontati, possono tradursi in opportunita` importanti per il settore.

Fonte: Ufficio stampa Assomela


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: