eventi
CIBUS
Parma 
1-4 Settembre 2020  
MACFRUT 
Rimini
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

mercoledì 29 marzo 2017


Fungar e Natura Iblea premiate per il welfare aziendale

Le migliori pratiche di welfare aziendale? Le adotta in Italia la Fungar di Rimini, specializzata nella coltivazione di funghi prataioli e pleurotus (oltre 15mila metri quadri di fungaia sulle colline di Coriano e una produzione annua di circa tre milioni di chilogrammi), che ieri a Roma si è aggiudicata il primo premio alla seconda edizione del Welfare Index Pmi 2017 promosso da Generali Italia insieme a Confagricoltura e Confindustria, patrocinato dalla Presidenza del Consiglio e che quest’anno ha visto anche il coinvolgimento di Confartigianato e Confprofessioni con l’obiettivo di diffondere la cultura del welfare aziendale come leva di crescita per le piccole e medie imprese, che rappresentano l’80% della forza lavoro del Paese.

La Fungar si è distinta su 3.422 aziende partecipanti provenienti da tutta la Penisola, “per aver saputo rispondere con politiche di welfare mirate ai bisogni dei propri dipendenti, circa 70 in tutto: l’80% dei quali sono donne, mamme, provenienti dalla Cina e a loro sono rivolti i principali servizi di welfare attivi in azienda”, come cita la motivazione della giuria.

Così Loredana Alberti che da quasi quarant’anni guida l’azienda agricola Fungar. "Il nostro impegno va incontro all’esigenza primaria espressa dai lavoratori con l’introduzione di strumenti di conciliazione lavoro-famiglia, a partire dall’orario flessibile per seguire passo passo i figli nell’arco della giornata all’assistenza per il disbrigo di pratiche burocratiche (dal permesso di soggiorno al ricongiungimento familiare), fino ad offrire garanzie per la stipula di contratti di locazione e per l’accensione di mutui finalizzati all’acquisto della casa".

Le menzioni speciali sono state assegnate, per l’integrazione sociale, all’azienda siciliana Natura Iblea, attenta all’inserimento di immigrati con varie iniziative culturali a corredo di quella strettamente relativa alle coltivazioni e per l’agricoltura sociale, alla società cooperativa friulana Dopo di noi, impegnata nell’inclusione lavorativa di disabili.



"Ricevo con orgoglio un premio che è un riconoscimento tangibile per il grado di sostegno sociale e qualità della vita dei nostri dipendenti". Questa la prima dichiarazione di Roberto Giadone (foto sopra) presidente di Natura iblea, alla consegna del premio Welfare Index Pmi. 

Per la prima volta è stata premiata un'azienda agricola siciliana che rappresenta un fiore all'occhiello della produzione di ortofrutta biologica del sud Italia. Con quasi 15 anni di vita e con 11 milioni confezioni di ortaggio bio annui, l'azienda agricola Natura Iblea è un punto di riferimento economico per la grande distribuzione europea. E con la consegna del Welfare Index Pmi, si legge in una nota stampa, diventa anche punto di riferimento per legalità e trattamento dei lavoratori nel sudest della Sicilia. 



Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: