eventi
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

mercoledì 12 aprile 2017


Eataly si dà all'orto urbano removibile

Il settore della distribuzione italiana si sta dimostrando particolarmente attento alla formazione e al coinvolgimento dei clienti in attività di orticoltura.

La catena alimentare Unicoop Firenze ha cominciato a lavorare in questa direzione già nel 2014, con la realizzazione di "Orsù", l'orto sulla terrazza interna del Centro commerciale Carlo del Prete, ispirato ai principi della permacoltura. La tendenza si è poi sviluppata con Alì che negli anni scorsi ha ricreato nel centro storico di Padova un orto a cielo aperto in occasione delle festività natalizie.

Una ulteriore conferma del pollice verde dei retailer italiani arriva dalla catena Eataly che proprio oggi a Torino inaugurerà il suo primo urbano non invasivo, chiamato "Or-To" e realizzato in collaborazione con OrtiAlti. Il progetto si pone come principale obiettivo quello di favorire momenti di scambio interculturale e intergenerazionale, educando alla produzione orticola a chilometro zero e promuovendo esperienze di cittadinanza attiva.

All'inaugurazione odierna è prevista la piantumazione di 60 cassoni di piante da orto nel piazzale esterno di Eataly Lingotto. In questo spazio pubblico, le persone potranno co-produrre, comprare i prodotti nonché frequentare specifici laboratori di orticoltura. Per la coltivazione sarà impiegato OrtoXmille, substrato 100% naturale ed ecologico.

Da oggi e per i prossimi quattro mesi l'orto urbano sarà gestito con il supporto di associazioni locali, scuole e università; in seguito, i cassoni saranno smontati e donati alle scuole per permettere alle piante di continuare a vivere. Eataly prova così a dare il suo contributo alla diffusione di un'educazione ambientale e alimentare nel pieno rispetto dell'agricoltura.

Copyright 2017 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: