eventi
IPM ESSEN 2020
Essen (Germania)
28-31 Gennaio 2020
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
FRESKON 2020
Salonicco (Grecia)
2-4 Aprile 2020

MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

venerdì 14 luglio 2017


Eshkol e Maraskino di Seminis piacciono ai produttori sardi

Open day pomodoro Seminis: martedi` 13 giugno all'azienda agricola Roberto Cinus di Oasi San Nicola (Cagliari) si e` svolto l'appuntamento dedicato al pomodoro e alle due novita` Eshkol, grappolo e Maraskino, cocktail plum, accogliendo piu` di 80 partecipanti tra agricoltori, tecnici e vivaisti.
Il responsabile d’area, Fabrizio Petrillo, e l’agente di zona, Silvio Meloni, hanno illustrato le caratteristiche delle due novita` e scambiato informazioni ed impressioni con i partecipanti.

“Questi incontri con i produttori e i tecnici sono per noi un’occasione importante non solo per comunicare le nostre nuove varieta` ma anche per comprendere meglio i problemi e le difficolta` quotidiane di chi produce e commercializza - spiega Petrillo - Problemi e difficolta` a cui cerchiamo di dare risposta con le nuove varieta`”.

Roberto Cinus, dell’omonima azienda: “Sono molto soddisfatto dell’Eshkol, sta andando molto bene sul mercato locale per il colore e la pezzatura anche negli ultimi palchi. L’elevata qualita` dei frutti, la tenuta alla maturazione, la pianta vigorosa e sana e l’assenza di spaccato mi hanno convinto ad inserirlo nei prossimi trapianti”.



Maraskino e` il nuovo cocktail ovale con pianta vigorosa che puo` essere coltivato tutto l’anno mantenendo alta produttivita` ed eccellente qualita` dei grappoli e dei frutti. Frutti che inoltre si mantegono freschi a lungo grazie anche alla carnosita` delle parti verdi.



Eshkol, e` il nuovo grappolo rosso che si caratterizza per la pianta vigorosa e continuativa ed i frutti consistenti, di pezzatura elevata, 130-150 g, e colore rosso brillante.

Per maggiori informazioni su Maraskino ed Eshkol visitate il sito di Seminis.

Fonte: Monsanto


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: