eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

lunedì 24 luglio 2017


Ordini disdetti dalla Gdo, angurie al macero a Latina

Angurie, un settore in forte difficoltà in un periodo di produzione intensa che registra anche gli stop di una domanda altalenante che non guarda in faccia nessuno. Ed è così che produttori come Vittorio Garbellini, la sua famiglia e altri agricoltori apriliani che con lui sono consorziati si ritrovano in una situazione di emergenza e a fare conti con danni incalcolabili.

"Avevamo delle commesse, accordi presi mesi fa con Gdo, la grande distribuzione europea", spiega il produttore al quotidiano Latina Oggi. "Mandiamo i nostri prodotti in Germania, nel Nord Europa. Ma qualche giorno fa abbiamo ricevuto lo stop. Al momento non c'è bisogno delle tonnellate di frutti che avremmo dovuto inviare, si parla di centinaia, migliaia di tonnellate. E non ci viene, in base a quegli accordi, riconosciuto alcun indennizzo. Così noi, ma anche decine di altri agricoltori, ci ritroviamo ettari di terreni coperti di angurie che andranno al macero".

La quotazione delle angurie prodotte sulla piazza di Latina è di circa 10 centesimi al chilo. "E noi per 10 centesimi al chilo, un frutto, oltre a coltivarlo innaffiarlo, proteggerlo, lo dobbiamo raccogliere, pulire, lavare, portare sulla piattaforma di smistamento... Capite bene cosa può rimanere a chi come noi per un anno lavora e si spezza la schiena. Il nulla". 

Per farci comprendere meglio la situazione Vittorio, con suo fratello, ci fa vedere che presso la sua azienda agricola, ha messo in vendita le angurie a offerta libera. "E va anche meglio del previsto", sostiene. Il prodotto in vendita è leggermente diverso da quello che si vede negli ettari di campi che si estendono nelle campagne apriliane. Sono angurie oblunghe, grosse. "Fanno 10, 12 e più chili. Si tratta di frutti che non puoi dare alla Gdo perché sono troppo grandi. La casalinga che va al supermercato una anguria da più di 12 chili non la mette nella busta. E se poi lo dobbiamo dire, sono anche di qualità superiore. Per questo abbiamo deciso di adottare questa politica in un momento come questo. Offerta libera. Chi ci conosce, chi compra da noi sa già di che prodotti si tratta. Chi viene la prima volta, magari prende due frutti, ci lascia 3, 4 euro, ma noi siamo sicuri che tornerà. Puntiamo su questo. Sul ‘frutto' del nostro impegno. E quando il cliente torna, magari riconoscendo la qualità del frutto che ha messo in tavola, si trova anche più in difficoltà a dover ‘far lui il prezzo".

Fonte: Latina Oggi


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: