eventi
BIOFACH
Norimberga (Germania)
14-17 Febbraio 2018
GULFOOD
Dubai
18-22 Febbraio 2018
MEDFEL
Perpignan (Francia)
24-26 Aprile 2018

FRESKON
Salonicco (Grecia)
26-28 Aprile 2018
CIBUS 2018
Parma
7-10 Maggio 2018
MACFRUT
Rimini
9-11 Maggio 2018

CHINA FRUIT LOGISTICA
Shanghai (Cina)
14-16 Maggio 2018
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong-Kong (Cina)
5-7 Settembre 2018
WORLD FOOD MOSCA
Mosca (Russia)
17-20 Settembre 2018
FRUITTRADE
Santiago (Cile)
3-4 Ottobre 2018
PMA FRESH SUMMIT
Orlando (Usa)
18-20 Ottobre 2018
FRUIT ATTRACTION
Madrid (Spagna)
23-25 Ottobre 2018
EIMA INTERNATIONAL
Bologna
7-11 Novembre 2018

leggi tutto

venerdì 4 agosto 2017


Minirossa, la qualità non basta

Stagione complicata per le angurie, grandi o mini che siano. Da ieri la domanda sembra essersi “risvegliata”: proprio ora che, con due settimane di anticipo, Nord e Centro Italia stanno terminando il prodotto. Sono poche le eccezioni positive, secondo Pier Luigi Castello, dell’omonima azienda di Padova che concluderà la campagna di commercializzazione a fine agosto.

“Dalla Sicilia alle Alpi produciamo cinquemila tonnellate di miniangurie e quasi la metà è rappresentata da Minirossa, che fa ancora la differenza in termini di qualità – dice l’imprenditore veneto – Ne avrei voluta lavorare di più, visto che le iniziative che abbiamo fatto con la grande distribuzione organizzata per la presentazione delle confezioni monodose Fresh & Go sono andate bene e il consumatore le ha cercate anche nelle settimane successive”.

Una questione di qualità. “In quel periodo, malgrado il surplus dell’offerta dovuto al caldo, per la Minirossa abbiamo registrato maggiori richieste da parte della Gdo. Almeno l’abbiamo venduta, ma i prezzi sono stati comunque poco remunerativi – continua Castello – Oggi la scelta varietale è soddisfacente, ma la Minirossa resta la più buona da mangiare. Da un punto di vista agronomico, però, la pianta è debole e, per via del seme grosso, va in sovramaturazione velocemente. Altrimenti sarebbe perfetta”.

“Le migliori Minirosse – prosegue - hanno peso medio compreso tra 2,5 e 3,5 chili, solo il mercato estero chiede frutti da 1-2 chili, a scapito del sapore, per il consumatore, e del reddito, per noi produttori”.

Ma, come per altri comparti, anche per le angurie una ricetta ci sarebbe. “Sarebbe saggio, e utile, se si riuscisse a sapere quanti ettari in Italia si investono ad angurie e di quali tipologie – conclude Castello – Un maggiore controllo delle produzioni potrebbe evitare questi problemi che danneggiano l’intero sistema. Senza contare che anche i Paesi dell’Est hanno iniziato a produrre angurie e gli sbocchi commerciali si stanno riducendo alla sola Italia”.

Copyright 2017 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: