eventi
TSW 2020
Varsavia (Polonia)
15-16 Gennaio 2020

FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

mercoledì 2 agosto 2017


Tremila quintali di lenticchie di Castelluccio di Norcia Igp

Prima raccolta dopo il terremoto per le lenticchie a indicazione geografica protetta (Igp) di Castelluccio di Norcia, il borgo umbro di montagna completamente distrutto dalle terribili scosse del luglio 2016. Un momento di forte valore simbolico per i produttori locali che, ieri mattina, si sono dati appuntamento sul Pian Grande per "celebrare" l'avvio delle operazioni di mietitura.

Quest'anno, fa sapere la Coldiretti, "le strade interrotte dal sisma e la siccità hanno ostacolato le semine e le lavorazioni, rese possibili grazie a un vero e proprio blitz dei nostri produttori che ha consentito l'arrivo dei mezzi agricoli, dopo che avevano addirittura rischiato di saltare del tutto".

"La lenticchia di Castelluccio di Norcia Igp - ha sottolineato Roberto Moncalvo, presidente nazionale dell'organizzazione agricola, presente in prima persona all'evento in campo - è un esempio della capacità di resistenza degli agricoltori che, nonostante le difficoltà, continuano a presidiare il territorio e a difenderne le risorse con caparbietà". 

In questa stagione, la produzione è di ottima qualità ma è prevista in calo del 20-30% a causa del caldo e della siccità, per un totale di circa tremila quintali.

Il legume è coltivato in maniera del tutto naturale a 1.400 metri di altitudine e viene confezionato in sacchetti di juta o di plastica e in contenitori di cartone, dal peso di 250 grammo, mezzo chilo o un chilo che riportano, in tutti e tre i casi, il marchio Igp. Un segno distintivo che questo prodotto pregiato "porta" da vent'anni.

Copyright 2017 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: