eventi
MARCA
Bologna
17-18 Gennaio 2018
FRUIT LOGISTICA 2018
Berlino (Germania)
7-9 Febbraio 2018
MACFRUT 2018
Rimini
9-11 Maggio 2018

leggi tutto

mercoledì 2 agosto 2017


La dieta mediterranea? Fa bene solo ai ricchi

I benefici della dieta mediterranea sono fortemente dipendenti dalla posizione socioeconomica del consumatore. E' quanto evidenzia uno studio dell'Istituto neurologico mediterraneo Neuromed, appena pubblicato sulla rivista scientifica International Journal of Epidemiology.

La ricerca è stata condotta dal Dipartimento di epidemiologia e prevenzione dell'Irccs di Pozzilli (Isernia) su più di 18mila persone, reclutate all'interno di "Moli-sani", un progetto partito nel marzo 2005 con l'obiettivo di fotografare i fattori genetici e ambientali correlati a tumori e le malattie cardiovascolari e degenerative.

Secondo i risultati dello studio, ripreso ieri anche dal sito web del quotidiano La Stampa, la riduzione del rischio cardiovascolare si osserva nelle persone con un livello di istruzione superiore e/o un maggiore reddito familiare. Nessun beneficio reale viene invece osservato per i gruppi meno avvantaggiati. I vantaggi associati vengono confermati ma restano appannaggio dell'upper class.

"Per la prima volta - ha detto Marialaura Bonaccio, prima autrice della ricerca - il nostro studio ha rivelato che lo status socioeconomico è in grado di modulare i vantaggi di salute. In altre parole, è improbabile che una persona con un basso livello socioeconomico che si sforza di seguire un modello alimentare mediterraneo abbia gli stessi benefici di una persona con reddito più elevato, nonostante entrambi aderiscano in maniera simile alla stessa dieta sana".

Licia Iacoviello, responsabile del Laboratorio di epidemiologia nutrizionale e molecolare, ha aggiunto che "i gruppi più avvantaggiati sono stati maggiormente in grado di riportare un numero più ampio di indici di dieta di alta qualità rispetto alle persone con condizioni socioeconomiche basse. Ad esempio, fra coloro che segnalano un'adesione ottimale alla dieta mediterranea (misurata da un punteggio che include frutta e noci, verdure, legumi, cereali, pesce, grassi, carne, prodotti lattiero-caseari e assunzione di alcol) le persone con reddito alto o istruzione superiore hanno consumato prodotti più ricchi di antiossidanti e polifenoli e hanno mostrato una maggiore diversità di scelte di frutta e verdura. Le differenze sostanziali nel consumo di prodotti appartenenti alla dieta mediterranea ci porta a pensare che la qualità degli alimenti possa essere importante per la salute come la quantità e la frequenza di assunzione".

"Le disparità socioeconomiche in salute stanno crescendo anche nell'accesso a diete sane - avverte Giovanni De Gaetano, direttore del Dipartimento - I nostri risultati dovrebbero promuovere una seria considerazione di questo scenario. Negli ultimi anni abbiamo documentato sull'intera popolazione un rapido spostamento dalla dieta mediterranea, ma potrebbe anche essere che i cittadini più deboli tendono ad acquistare alimenti mediterranei con un valore nutrizionale inferiore".

Gli studi condotti finora, come osserva De Gaetano, "hanno puntato molto se non esclusivamente sulla quantità e la frequenza di consumo, ma poco sulla qualità. Non bisogna solo rallegrarsi del fatto che la dieta mediterranea confermi il suo potere benefico in termini di prevenzione cardiovascolare, ma andare più a fondo, in modo che le differenze che possono renderla più o meno utile scompaiano".

La proposta: abbassare l'Iva sull'ortofrutta

"Da medici possiamo invitare a riflettere - evidenzia De Gaetano - Per esempio, si potrebbero valutare misure come abbassare l'Iva sull'olio extravergine d'oliva certificato e su frutta e verdura per favorire l'acquisto di prodotti più freschi. O si potrebbe pensare a un sistema che permetta di scaricare dalle tasse l'acquisto di prodotti della dieta mediterranea, come succede per i farmaci che vengono messi nella dichiarazione dei redditi. In fondo, si tratta di qualcosa che fa altrettanto bene. E la salute è un problema anche della politica e della società intera".

Il messaggio è chiaro: "Non possiamo continuare a dire che la dieta mediterranea fa bene - conclude De Gaetano - se non siamo in grado di garantirne un uguale accesso".


a cura della Redazione

Altri articoli che potrebbero interessarti: