eventi
BIOFACH
Norimberga (Germania)
14-17 Febbraio 2018
GULFOOD
Dubai
18-22 Febbraio 2018
MEDFEL
Perpignan (Francia)
24-26 Aprile 2018

FRESKON
Salonicco (Grecia)
26-28 Aprile 2018
CIBUS 2018
Parma
7-10 Maggio 2018
MACFRUT
Rimini
9-11 Maggio 2018

CHINA FRUIT LOGISTICA
Shanghai (Cina)
14-16 Maggio 2018
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong-Kong (Cina)
5-7 Settembre 2018
WORLD FOOD MOSCA
Mosca (Russia)
17-20 Settembre 2018
FRUITTRADE
Santiago (Cile)
3-4 Ottobre 2018
PMA FRESH SUMMIT
Orlando (Usa)
18-20 Ottobre 2018
FRUIT ATTRACTION
Madrid (Spagna)
23-25 Ottobre 2018
EIMA INTERNATIONAL
Bologna
7-11 Novembre 2018

leggi tutto

venerdì 4 agosto 2017


Alto Adige, buone premesse per la raccolta del cavolfiore

La raccolta del cavolfiore con il Marchio di Qualità Alto Adige è in corso e le previsioni sono promettenti: quest'anno il risultato dovrebbe aggirarsi intorno alle tremila tonnellate. Solo il gran caldo di giugno ha leggermente frenato la crescita.

Il raccolto continuerà fino alla fine di settembre e si svolgerà prevalentemente in Val Venosta e in Val Passiria. Il cavolfiore, tuttavia, viene coltivato anche in Valle Isarco, Val Pusteria, Val d'Adige, sul Renon e in Alta Val di Non. Circa 400 aziende familiari dell'Alto Adige raccoglieranno complessivamente tremila tonnellate di cavolfiori. Quest'anno le elevate temperature di giugno hanno leggermente limitato la crescita degli ortaggi. Ciononostante, dopo quella di patate, la quantità di cavolfiore prodotta è e rimane la più considerevole tra le verdure con il Marchio di Qualità Alto Adige. Il marchio di qualità, creato dalla provincia Autonoma di Bolzano e promosso da Idm Alto Adige, garantisce l'osservanza di rigorosi standard produttivi.

Così, per esempio, il cavolfiore dell'Alto Adige viene coltivato esclusivamente in pieno campo, cosa che lo rende più esposto agli effetti del clima. Reinhard Ladurner, responsabile vendite della Vi.P per la verdura e le ciliegie, spiega: "Le condizioni climatiche non sono state cattive. Il calore di giugno, però, non ha certo fatto bene al cavolfiore tanto che attualmente in tutta Europa la quantità di cavolfiore disponibile è scarsa".

Il cavolfiore dell'Alto Adige deve il suo gusto particolarmente intenso, apprezzato in tutta Italia, proprio alle oscillazioni della temperatura e al lungo periodo di maturazione. Dall'Alto Adige alla Sicilia i consumatori hanno mostrato di gradire il gustoso ortaggio di campo. La coltivazione in pieno campo rafforza anche la sua resistenza tanto che, dopo il raccolto, il cavolfiore può essere conservato a lungo. Il cavolfiore viene coltivato tra i 600 e i 1.700 metri di altitudine, altezze alle quali anche la ventilazione contribuisce a una buona maturazione.

Fonte: Marchio di Qualità Alto Adige



Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: