eventi
FRUITTRADE
Santiago (Cile)
3-4 Ottobre 2018
PMA FRESH SUMMIT
Orlando (Usa)
18-20 Ottobre 2018
INTERPOMA
Bolzano
15-17 Novembre 2018 
FRUIT ATTRACTION
Madrid (Spagna)
23-25 Ottobre 2018
EIMA INTERNATIONAL
Bologna
7-11 Novembre 2018
SPECIALE FRUTTA&VERDURA 2018
Milano
30 Novembre 2018

leggi tutto

mercoledì 11 ottobre 2017


«I cuochi sbagliano, la frutta va riportata in tavola»

L'uva da tavola come ingrediente di cucina, di una cucina innovativa e creativa. Un modo per far parlare di questo prodotto e stimolare nuovi impieghi e nuove occasioni di consumo. Domenica sera il cooking show che si è tenuto nella piazza centrale di Canicattì (Agrigento) – in occasione della prima edizione dell'"Uva Fest" – aveva anche questo obiettivo: uva da tavola fresca, dall'Italia Igp alla Red Globe, impiegata in risotti, cous-cous, all'interno di un panettone con gelato al pistacchio di Bronte, oppure al posto dell'uva sultanina nelle celebri sarde a beccafico, e poi preparata a confit (come i pomodori) e abbinata a un tortello ripieno di formaggi siciliani... Insomma, l'uva come il prezzemolo: dappertutto.

Mattatore della serata Andy Luotto, un amico dell'ortofrutta (come dimenticare i suoi spot dei prodotti Solarelli). Come incentivare il consumo di questo frutto simbolo della Sicilia? “Dobbiamo far capire che l'uva da tavola italiana si può trovare per molti mesi l'anno e dobbiamo riportarla con convinzione in tavola – risponde il cuoco e attore – Perché è una frutta meravigliosa: bella, fresca, si può utilizzare in diversi modi... Ne esportiamo tantissima, dobbiamo rimetterla sulle nostre tavole a tutti i costi”.

Luotto è un paladino della tradizione: esalta l'uva Italia Igp di Canicattì, mentre è perplesso sul boom dell'uva senza semi. “A me sembra sbagliato puntare su queste varietà – osserva – un po' come quando hanno iniziato a fare i cocomeri quadrati: non ce n'è bisogno”.

“Il mondo della ristorazione, della cucina, ha un ruolo importante per la valorizzazione e il rilancio dei prodotti ortofrutticoli – prosegue Luotto – Qualche giorno fa ho preparato dei capocolli di maiale con la frutta. E l'uva in cucina, come dimostra questa serata, può e deve essere utilizzata di più: l'uva fresca è un ingrediente straordinario”.

Al ristorante, però, salvo una fetta di ananas e qualche macedonia improvvisata, la frutta non compare nemmeno nel menu. “E questo è sbagliato – rimarca il cuoco e attore – Di chi è la colpa? Dei cuochi, della televisione e della cattiva informazione: la frutta è meravigliosa e va portata in tavola. Capisco il cuoco che vuole fare bella figura con piatti elaborati e originali, ma la frutta può essere sempre proposta come un post dessert, bastano alcuni prodotti già tagliati, pronti per essere mangiati. E non dimentichiamoci, per esempio, la bellezza dell'uva, che già si trovava sulle tavole dell'antica Roma – conclude Andy Luotto – è una meraviglia. Ecco, credo che serva ripartire proprio dalla bellezza di questo frutto”.

Copyright 2017 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: