eventi
MEDFEL
Perpignan (Francia)
24-26 Aprile 2018

FRESKON
Salonicco (Grecia)
26-28 Aprile 2018
CIBUS 2018
Parma
7-10 Maggio 2018
MACFRUT
Rimini
9-11 Maggio 2018

CHINA FRUIT LOGISTICA
Shanghai (Cina)
14-16 Maggio 2018
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong-Kong (Cina)
5-7 Settembre 2018
WORLD FOOD MOSCA
Mosca (Russia)
17-20 Settembre 2018
FRUITTRADE
Santiago (Cile)
3-4 Ottobre 2018
PMA FRESH SUMMIT
Orlando (Usa)
18-20 Ottobre 2018
FRUIT ATTRACTION
Madrid (Spagna)
23-25 Ottobre 2018
EIMA INTERNATIONAL
Bologna
7-11 Novembre 2018

leggi tutto

venerdì 12 gennaio 2018


Francia, l'exploit del bio fa impennare l'import

Francia del biologico a un bivio: la travolgente crescita della domanda non trova un’adeguata risposta sul fronte dell’offerta e ciò porta il “sistema produttivo” a interrogarsi su come fronteggiare un mercato che dovrebbe aver superato gli 8 miliardi di euro nel 2017 (+14% sul 2016), stando alle stime di Coface. Il 29% dei beni biologici sono importati, in aumento per la prima volta dal 2009. Dal 2014, il mercato dei prodotti bio registra in Francia una progressione a doppia cifra. Questa tendenza ha trovato conferma nel primo semestre 2017 e lascia presagire, appunto, una crescita del 14% circa per l’intero anno. Malgrado il peso ancora modesto sull’agroalimentare (3,5% nel 2016), i consumi di prodotti bio sono in prepotente ascesa: nel 2016, il 69% dei francesi li acquistava almeno una volta al mese, il 15% li consumava quotidianamente.

Anche se la quota di superfici coltivate secondo il modello bio è aumentata in virtù del picco di conversioni registrato negli ultimi due anni, l’incidenza sul totale della superficie agricola utile rimane modesta (6,5% nei primi sei mesi del 2017), meno della media europea e ben distante da Austria, Svezia, Estonia, Italia e Repubblica Ceca. Ci si attende, prosegue il report Coface, un deciso incremento dell’offerta grazie all’ondata di conversioni avviata fra il 2014 e il 2016, ma la dinamica dei consumi è tale che il settore dovrà cambiare passo per incrementare i rendimenti e la scala di produzione. Altrimenti, si dovrà fare ulteriore ricorso a prodotti importati, che già oggi costituiscono quasi un terzo dei prodotti bio consumati.

Secondo i dati di Coface le aziende agricole bio presentano una buona solidità finanziaria. I comparti con una quota più elevata di produzione da agricoltura biologica sono anche quelli che hanno registrato meno insolvenze d’impresa nel periodo 2012-2016, mentre le insolvenze del settore nel suo insieme sono aumentate del 4,9% l’anno. Nel comparto della frutta (che ha una quota del 14,8%), si registra una riduzione delle insolvenze  (meno 5,6%) contrariamente a quanto avviene per i seminativi (quota 2,1%, incremento del 12%).

Nonostante il dinamismo e una relativa solidità, per Coface, sembra inevitabile un cambiamento del settore bio. La linea dipenderà molto dalla capacità di incrementare i rendimenti dei terreni, generalmente inferiori tra il 19% e il 25% rispetto a quelli delle superfici agricole tradizionali. Un contributo può arrivare dal ricorso all’innovazione per un’agricoltura di precisione (utilizzo di sensori e semplificazione della logistica) e dall’aumento di dimensioni delle aziende agricole. In Francia, infatti, le imprese bio sono poco più grandi della media europea (48 ettari contro 40) e decisamente più piccole rispetto al resto del settore, al contrario di una buona parte dei Paesi europei; ciò ne indebolisce la vitalità economica.


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: