eventi
MACFRUT  DIGITAL

8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

giovedì 7 giugno 2018


Gdo in campo contro gli sprechi

Un protocollo d’intesa per limitare gli sprechi e aumentare le donazioni. Lo hanno firmato ieri a Torino, su iniziativa di Federdistribuzione, la Regione Piemonte e i partner di Life-Food.Waste.Stand.Up, progetto finalizzato a sviluppare una serie di attività volte ad aumentare e rendere più agevoli, per le aziende che operano sul territorio, le cessioni di prodotti alimentari in favore delle persone indigenti. Il protocollo prevede attività concrete di coinvolgimento delle Amministrazioni locali da parte della Regione e di coinvolgimento da parte dei partner del progetto, attivando campagne di comunicazioni e stabilendo anche l’introduzione di un concetto di premialità per i soggetti economici che, facendo donazioni, attivano questo percorso virtuoso. All’incontro, oltre agli amministratori regionali e agli esponenti della federazione, erano presenti Mauro Anfossi e Antonio Guzzon di Auchan, Simone Pescatore di Bennet e Marco Grosso di Dimar che hanno evidenziato le iniziative intraprese dalle rispettive aziende per ridurre lo spreco ed aumentare le donazioni.


La slide presentata da Auchan che evidenzia l'impegno anti-sprechi

In Italia, secondo i dati del Politecnico di Milano, ogni anno vengono prodotte circa 5,6 milioni di tonnellate di eccedenze alimentari; di queste solo l’8,6% è recuperato attraverso donazioni alle persone bisognose mentre il resto diventa spreco: 12,6 miliardi di euro. Tra il 2012 e il 2015 in Italia lo spreco è diminuito del -7,9% e le donazioni sono aumentate del +6,4%, ma molto può essere ancora fatto.

In Piemonte, secondo elaborazioni di Federdistribuzione, lo spreco alimentare è stimato in circa 450mila tonnellate annue, per il 47% attribuibile alle famiglie e per la restante parte agli operatori economici, con l’agricoltura responsabile del 32%, la distribuzione del 15%, la trasformazione industriale del 2% e la ristorazione del 4%.


La slide presentata da Bennet sul progetto Ancora Buoni

“Oggi, insieme alla Regione e agli altri partner del progetto Life – ha affermato Massimo Viviani, direttore generale di Federdistribuzione – abbiamo voluto proporre un momento di riflessione comune, coinvolgendo i Comuni, le aziende della produzione e della distribuzione, Onlus ed Enti Caritativi, per condividere best practices ed esperienze, al fine di avviare iniziative concrete che possano condurre ad un effettivo incremento delle donazioni”. 


La slide Dimar sulle donazioni 2017

“I numeri dello spreco in Italia sono impressionanti – ha continuato Viviani – Ogni anno buttiamo via l’equivalente del 15,4% dei consumi alimentari degli Italiani, una quantità di cibo che sarebbe sufficiente a nutrire tutte le famiglie ancora in condizione di povertà nel nostro Paese. Al tempo stesso le donazioni a enti caritativi rappresentano meno del 9% delle eccedenze alimentari che l’intera filiera produce. Da anni le imprese distributive sono impegnate nel ridurre le eccedenze e nell’implementare programmi per un loro recupero, ma è evidente che si può fare di più”.

Copyright 2018 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Gdo

Altri articoli che potrebbero interessarti: