eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong-Kong (Cina)
5-7 Settembre 2018
WORLD FOOD MOSCA
Mosca (Russia)
17-20 Settembre 2018
FRUITTRADE
Santiago (Cile)
3-4 Ottobre 2018
PMA FRESH SUMMIT
Orlando (Usa)
18-20 Ottobre 2018
FRUIT ATTRACTION
Madrid (Spagna)
23-25 Ottobre 2018
EIMA INTERNATIONAL
Bologna
7-11 Novembre 2018
SPECIALE FRUTTA&VERDURA 2018
Milano
30 Novembre 2018

leggi tutto

giovedì 12 luglio 2018


Progetto Loacker, mille ettari di nocciole in Friuli

Dopo la Toscana il Friuli Venezia Giulia. Qui Loacker - azienda altoatesina leader in Italia e nel mondo per la produzione di wafer e specialità al cioccolato - vorrebbe creare una filiera delle nocciole destinate alla produzione dolciaria.

Così come Ferrero sta investendo grazie al "Progetto Nocciola Italia" di Huzelnut Company, la divisione del gruppo piemontese dedicata interamente alla nocciola (clicca qui per leggere la notizia), anche Loacker vuole incrementare la produzione Made in Italy.

Il progetto è stato al centro di un incontro istituzionale tra gli assessori regionali alle Risorse agroalimentari, Stefano Zannier, e alle Attività produttive, Sergio Emidio Bini, e l'azienda che lo scorso anno ha fatto registrare un giro d'affari di 335 milioni di euro. Nel faccia a faccia sono state approfondite le caratteristiche del progetto che potrebbe portare in Friuli Venezia Giulia una parte consistente dell'approvvigionamento di materia prima, la nocciola italiana di qualità, con un vantaggio duplice per i coltivatori e per i consumatori.

Ai primi infatti sarebbero garantiti, secondo la policy aziendale, accordi a lungo termine, ai secondi il mantenimento di una produzione di qualità, che qualifica sia il territorio agricolo di provenienza delle nocciole, sia il prodotto finale destinato all'industria dolciaria.



Per il Friuli Venezia Giulia sarebbe un'opportunità di diversificazione colturale. "C'è la possibilità di dare prospettiva ad una interessante possibilità di diversificazione produttiva che potrebbe tornare utile ad intraprendere la strada della sostenibilità aziendale per i nostri imprenditori agricoli", sottolinea l'assessore Zannier.
Secondo l'assessore Bini, invece, "legare il Friuli Venezia Giulia a un brand riconosciuto a livello mondiale come Loacker rappresenta un'occasione importante per far conoscere e promuovere il nostro territorio. Ritengo, quindi, sia necessario fare il possibile affinché tutti i soggetti coinvolti trovino un punto di sintesi ottimale".

In Friuli Venezia Giulia Loacker prevede di raggiungere accordi con i coltivatori per una superficie coltivata a nocciolo di circa un migliaio di ettari, posto che l'azienda da sempre usa solo ed esclusivamente materie prime di qualità e in particolare nocciole esclusivamente italiane, che attualmente ritira anche in altre zone d'Italia. La formula proposta è un contratto a lungo termine con un meccanismo di prezzi vantaggioso e premiante per il produttore, che garantisce inoltre, lungo tutta la filiera ed in tutte le fasi dello sviluppo del noccioleto, l'assistenza di tecnici aziendali per ottimizzare la produzione nel rispetto dei requisiti delle materie prime.

Copyright 2018 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: