eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong-Kong (Cina)
5-7 Settembre 2018
WORLD FOOD MOSCA
Mosca (Russia)
17-20 Settembre 2018
FRUITTRADE
Santiago (Cile)
3-4 Ottobre 2018
PMA FRESH SUMMIT
Orlando (Usa)
18-20 Ottobre 2018
FRUIT ATTRACTION
Madrid (Spagna)
23-25 Ottobre 2018
EIMA INTERNATIONAL
Bologna
7-11 Novembre 2018
SPECIALE FRUTTA&VERDURA 2018
Milano
30 Novembre 2018

leggi tutto

giovedì 12 luglio 2018


Rinnovato l’accordo tra Fao ed enti di ricerca italiani

Innovazione agricola, cambiamenti climatici, nuove tecnologie e protocolli per la qualità del cibo e della nutrizione umana, gestione del suolo e delle risorse idriche e qualità degli ecosistemi. Sono questi i temi principali della rinnovata collaborazione tra il Crea, insieme a Cnr, Enea e Ispra, e la Fao.

La partnership, della durata di tre anni, è fondata sulla condivisione delle conoscenze e sullo sviluppo di nuove iniziative basate su un approccio olistico alla sostenibilità per centrare gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Per far fronte alla crescente domanda di cibo nel 2050 la produzione agricola dovrà aumentare di circa il 50% rispetto ai valori del 2012 (secondo le stime Fao). La ricerca, quindi, ricoprirà un ruolo cruciale per trovare il giusto equilibrio tra aumentare la produttività agricola, gestire in modo sostenibile le preziose risorse naturali e conservare gli ecosistemi.

"Il trasferimento dell’innovazione verso gli agricoltori, i produttori a livello familiare e i piccoli proprietari - ha dichiarato Salvatore Parlato, presidente del Crea - è di fondamentale importanza per imprimere un cambiamento significativo nei sistemi agricoli. Non vanno assolutamente trascurate, inoltre, le potenzialità offerte dai quattro maggiori enti di ricerca italiana, che sono in grado di realizzare a pochissima distanza dalle sede della Fao attività dimostrative e di formazione presso le aziende e i centri di ricerca del polo romano".

Fonte: Uffico stampa Crea


Altri articoli che potrebbero interessarti: