eventi
PMA FRESH SUMMIT
Orlando (Usa)
18-20 Ottobre 2018
INTERPOMA
Bolzano
15-17 Novembre 2018 
FRUIT ATTRACTION
Madrid (Spagna)
23-25 Ottobre 2018
EIMA INTERNATIONAL
Bologna
7-11 Novembre 2018
SPECIALE FRUTTA&VERDURA 2018
Milano
30 Novembre 2018

leggi tutto

venerdì 12 ottobre 2018


Innovazione in Gdo, tanti spunti al convegno di Verallia

Verallia, terzo produttore mondiale di bottiglie e vasi in vetro per il food and beverage, ha organizzato nella giornata di ieri, presso Fico Eataly World, un evento interamente dedicato alle principali aziende italiane del settore alimentare.

Principale obiettivo del convegno, intitolato “Innovazioni Dirompenti nel Food and Beverage - Come cambiano i modelli di consumo, le aziende e la distribuzione”, è stato quello di creare un momento di condivisione, approfondimento e scambio di opinioni sulle tematiche di maggiore rilievo e attualità per il futuro del settore, caratterizzate da un unico fil rouge: l’innovazione.

Alla presenza dell’amministratore delegato di Verallia Italia, Marco Ravasi (nella foto), che ha aperto l’evento illustrando le principali novità relative all’azienda tra cui spicca il recente annuncio dell’apertura dell’11esimo forno presso Villa Poma, si sono susseguiti gli interventi di relatori particolarmente prestigiosi e lungimiranti in tema di innovazione moderati da Maria Cristina Alfieri, direttore della testata trade Food.

Primo tra i relatori chiamati a illustrare al pubblico presente i prossimi trend di innovazione della filiera è stato il Matteo Vignoli, docente di Business process engineering presso l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia e direttore del master internazionale “Food Innovation Program”. Il professore ha illustrato nel suo speech intitolato “Prospettive globali di innovazione nel sistema agroalimentare” i punti salienti della mappa concettuale realizzata con il suo team di lavoro. La mappa Seeds of Disruption nasce come strumento di dialogo che investiga i modi in cui l’innovazione tecnologica, formulata e attuata per mezzo della collaborazione tra tutti gli attori della filiera nelle sue varie fasi, possa essere in grado di rimodellare il settore a livello globale, rispondendo al tempo stesso alle crescenti necessità di efficienza e sostenibilità.

A seguire, Maria Cristina Alfieri si è rivolta all’innovazione nel mondo della Gdo, raccogliendo riflessioni e visioni di uno tra i più rilevanti esponenti del panorama italiano: Mario Gasbarrino, presidente e ad di Unes. Gasbarrino ha illustrato la sua personale idea di innovazione, evidenziando come sia stata sviluppata all’interno della sua catena. Al tempo stesso diventa centrale per la Gdo prestare attenzione alle proprie performance sostenibili e alle decisioni di acquisto del consumatore. In questo senso emerge da parte di entrambi i relatori come il vetro sia in grado di conferire al prodotto un posizionamento di carattere premium, rispondendo alla domanda di salubrità e sostenibilità degli alimenti.

Anche Oscar Farinetti, fondatore di Eataly e padrone di casa presso Fico Eataly World, ha voluto portare il suo contributo alla discussione ponendo l'accento sull'importanza dell'individuo in tutta la sua complessità nel concetto stesso di innovazione. Secondo Farinetti, infatti, tutte le più grandi innovazioni umane sono nate da un'imperfezione che ha subito la necessità di essere gestita e corretta, in modo che lui stesso definisce disruptive.

A chiudere questa giornata interamente dedicata ai protagonisti dell’industria agroalimentare e della distribuzione è stato Alessandro Bocchio, direttore commerciale e marketing Verallia Italia che, evidenziando come anche il packaging possa valorizzare il prodotto, ha premiato i vincitori della quarta edizione del Verallia Design Award, che quest’anno ha visto il coinvolgimento di Lurisia e Santero. Gli studenti dei Workshop tirocinante 1090 del Poli.Design, Consorzio del Politecnico di Milano e del corso di laurea in design del prodotto industriale del Politecnico di Milano – Scuola Design hanno proposto i progetti per la realizzazione di nuove bottiglie da spumante e da bibita. Sono saliti sul palco di Fico Eataly World per ritirare il premio Lucia Gualdi e Francesca Inzani per il progetto Ace Black per Santero e Aurora Baratto e Alessia Kayalibay per il progetto Mate pensato per Lurisia, giudicati come giuste sintesi tra valore aggiunto per il consumatore, valorizzazione del contenuto, qualità del progetto e realizzabilità aziendale.

Fonte: ufficio stampa Verallia


Leggi altri articoli su:

Gdo

Altri articoli che potrebbero interessarti: