eventi
MACFRUT  DIGITAL

8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

mercoledì 24 ottobre 2018


Si alza il sipario sulla mela Candine

Dalla collaborazione tra il costitutore francese Agro Sélection, BlueWale (primo esportatore francese di mele) e l'italiana Apofruit nasce la mela Candine. Il nuovo brand è stato presentato ieri a Fruit Attraction: freschezza, croccantezza e un gusto gourmande sono i tratti caratteristici di questo frutto.



Si tratta di una mela Regal'ou, stesso periodo di raccolta di una Fuji, bicolore, resistente alla ticchiolatura, dolcezza importante abbinata a note aromatiche. Il frutto si caratterizza per una buona conservabilità ed è quindi adatto alle esportazioni su lunga distanza.



Dopo un lavoro di ricerca durato una decina d'anni questa nuova mela si appresta a debuttare sul mercato con il marchio Candine. In Europa ci sono un centinaio di ettari in produzione, ma l'obiettivo è di portarli a 500 nei prossimi anni. I nuovi impianti saranno collocati nel Sud-est della Francia e in Italia, dove Candine sarà coltivata dai soci di Apofruit.

Ilenio Bastoni Apofruit

"La mela si presta bene sia alla pianura dell'Emilia-Romagna che alle valli alpine - spiega Ilenio Bastoni, direttore generale della cooperativa romagnola - E' molto interessante la rusticità di questa varietà che ben si adatta anche alle coltivazioni biologiche. Per ora abbiamo pochi ettari, ma nel giro di poco tempo arriveremo a quota 200, di cui il 40% bio. Grazie alla sua buona conservabilità questa mela la vediamo adatta per servire i mercati asiatici. In programma c'è anche lo sviluppo della produzione nell'Emisfero Sud, in modo da avere prodotto 12 mesi l'anno. Tra due-tre anni - conclude Bastoni - avremo i volumi sufficienti per soddisfare il mercato europeo".

Copyright 2018 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: