eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
SANA 
Bologna
6-9 Settembre 2019 
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

giovedì 29 novembre 2018


Apofruit Italia «firma» 40mila tonnellate di kiwi

Entra in scena il kiwi “targato” Apofruit Italia. Con una produzione di 40mila tonnellate complessive "vale" il 15% del totale dei volumi aziendali, ed è il secondo frutto più importante nel paniere del gruppo alle spalle delle mele. Veneto, Emilia Romagna e Lazio si confermano le aree di riferimento, ma nell’elenco delle regioni "fornitrici" compaiono anche Calabria e Basilicata. “Sta crescendo la quota del biologico, che ha raggiunto le cinquemila tonnellate ed aumenterà di un ulteriore 30% in pochi anni - spiega a Italiafruit News Gianluca Casadio, responsabile marketing di Apofruit Italia - Nella scorsa stagione la commercializzazione si è protratta da novembre fino a inizio giugno e le premesse per questa campagna sono discrete: buona la pezzatura, soddisfacente il livello di sostanza secca, parametro per noi essenziale”. 



La varietà Hayward resta saldamente leader, mentre il kiwi giallo rappresenta il 15% della produzione dell'azienda. Che punta sul suo brand distintivo: “Il kiwi è l'ultimo prodotto dell'anno a marchio Solarelli, i cui valori incontrano le richieste dei consumatori per il loro legame con la produzione italiana, la tipicità, la qualità, il gusto e il sapore”. Solarelli vale il 10% del business realizzato da Apofruit Italia con il kiwi nel nostro Paese, in Europa e nel Middle East mentre nel Far East (in primis Cina e Taiwan) viene utilizzato “Solemio”, un nome che attira i consumatori orientali e li spinge ad acquistare un prodotto caratterizzato dalla ricerca dell'elevata qualità.

Copyright 2018 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: