eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
SANA 
Bologna
6-9 Settembre 2019 
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

giovedì 21 febbraio 2019


Liquidazione delle pesche, malumori in Piemonte

La maggior parte dei produttori cuneesi di pesche sta ricevendo soltanto in questi giorni il pagamento della frutta consegnata in estate. La situazione è preoccupante e fa luce sulle pratiche sleali che danneggiano la nostra agricoltura.
 
Se le scorse annate il saldo delle pesche arrivava intorno a Natale, quest’anno il pagamento slitta addirittura a Carnevale. “E' un ritardo ingiustificato - denuncia il delegato Confederale di Coldiretti Cuneo, Roberto Moncalvo - che strozza gli imprenditori agricoli tenuti a sostenere i costi di produzione per la gestione dei frutteti e i costi per la raccolta e la consegna delle pesche ai magazzini, a tempo debito e senza indugio. Al contrario di chi ha venduto quelle pesche sui banchi della grande distribuzione, che ha incassato a luglio e agosto 2018 il prezzo pagato dai consumatori ma ha aspettato oltre sei mesi per liquidare i nostri agricoltori. Il più delle volte - aggiunge Moncalvo - il produttore non partecipa alla formazione del prezzo ed essendo il primo a vendere ma l’ultimo ad essere pagato, viene lasciato solo a pagare i costi delle pratiche sleali, delle storture del mercato e delle eventuali inefficienze degli altri attori della filiera”.
 
Ne consegue che ai produttori agricoli vengono riconosciute quotazioni con cui a malapena riescono a sostenere i costi di produzione. E' il caso del prezzo delle pesche pagato in queste settimane agli imprenditori, che si attesta mediamente intorno ai 30-35 centesimi per il prodotto di prima qualità. Per giunta soltanto pochi operatori aderiscono alla rilevazione del prezzo di vendita del prodotto agricolo lavorato, dato utile sia a rendere trasparente il margine di guadagno lungo tutta la filiera sia a fornire un valore di riferimento agli attori in caso di contenzioso. Attendiamo con urgenza la definitiva applicazione della Direttiva europea che Coldiretti ha ottenuto per contrastare le speculazioni da parte dei poteri forti dell’industria e della distribuzione a danno degli agricoltori. Un passaggio fondamentale per il futuro del settore agroalimentare europeo - la definisce Moncalvo - per rendere più equa la catena di distribuzione degli alimenti che vede oggi sottopagati i prodotti agricoli, senza alcun beneficio per i consumatori”.
 
Il nostro lavoro continua e, oltre alle norma di contrasto a tali pratiche e al grande risultato ottenuto recentemente sull’etichettatura dei prodotti agricoli che consentirà anche di conoscere da dove arriva la frutta presente nei succhi e nelle bevande, siamo fortemente impegnati a realizzare contratti di filiera con alcuni gruppi industriali che desiderano investire sulla frutta Made in Italy garantendo contratti pluriennali e prezzi giusti.

Fonte: Cuneodice.itCopyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: