eventi
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

lunedì 25 marzo 2019


Frutta italiana? Acquisti al contagocce

Si compra col contagocce al Centro Agroalimentare di Bologna (Caab) e gli operatori grossisti si sentono quindi un po’ spaesati. Non sanno bene come muoversi per poter rispondere al calo dei consumi che riguarda la frutta fresca, mele e pere in primis, ma anche agrumi e frutta secca.

Secondo Emilio Laffi, responsabile mele e pere presso lo stand della Laffi Giorgio & Co Spa, a partire dalla scorsa estate qualcosa è cambiato nelle abitudini degli acquirenti del Caab. Un Mercato dove i grossisti di secondo livello sono da sempre clienti strategici per gli standisti bolognesi.

“La campagna di mele e pere italiane continua a rimanere molto negativa - dice Laffi a Italiafruit news - Si vende poco e il mercato è lento, anche per i prodotti a marchio - Finora non c’è mai stato un momento di gloria, tanto per mele e pere quanto per tutti gli altri prodotti frutticoli. Non a caso anche la campagna invernale della frutta secca ed essiccata, per la prima volta dopo tanti anni, è stata deludente".

Eppure, la qualità non manca di certo. Dunque: qual è il problema? “Sicuramente l’andamento negativo dei consumi che c’è adesso in Italia”, sottolinea Laffi. Che prosegue: “La gente, ormai, compra col contagocce e prevale un atteggiamento di paura. Fino a qualche anno fa, i clienti venivano e facevano le scorte. Ora non è più così”.

Anche l’abbondanza di offerta penalizza le vendite all'ingrosso, osserva Laffi: “Prodotti come mele, pere, kiwi, agrumi e limoni si possono trovare tutto l’anno. Adesso, per fare un esempio, alcuni standisti stanno già lavorando con pere sudafricane e argentine. Non c’è più stacco tra la stagione nazionale e quella del prodotto contro-stagione”.

E ancora: “Oggi si vende tutto a collo, non più a bancale. Mancano molti clienti che fino a qualche anno fa facevano attività di ingrosso e, allo stesso tempo, il consumo è calato drasticamente. Se prima c'erano grossisti di secondo livello che portavano a casa due/tre bancali di mele o di pere con tre varietà diverse, adesso gli stessi comprano al massimo una pedana con sei varietà”. 

Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: