eventi
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

Fragole lunedì 25 marzo 2019


Fragole, l'invasione spagnola travolge le commodity

Fragole, l’invasione spagnola "zavorra" i prezzi del Made in Italy. Ma il prodotto di qualità si salva: lo spiega Riccardo Pompei, grossista al Car di Roma che racconta, dati alla mano, di una settimana - quella appena trascorsa - caratterizzata da una “forte presenza di frutti iberici dai prezzi risibili, anche sotto l’euro il chilo, che ha danneggiato la commercializzazione della fragola italiana”. 



Il segmento di alta gamma però, si è salvato: “Candonga non è mai scesa sotto i 3,50-4 euro il chilo dopo aver toccato al Centro agroalimentare di Roma, nelle settimane precedenti, quota 5 euro, soglia che gli anni scorsi veniva raggiunta solo nei Mercati del Nord”. 



L’ondata spagnola ha travolto dunque le “commodity” creando una forbice di prezzo molto larga con il prodotto Top. Sempre di più, insomma, la qualità sembra essere l’ancora di salvezza per chi opera nel settore. Le rilevazioni della "Borsa della Spesa" di Unioncamere, Italmercati e Bmti di venerdì evidenziavano l’ampia disponibilità di fragole italiane di buona qualità.

“Per quanto riguarda gli altri articoli - conclude Pompei - al Car stanno performando piuttosto bene le primizie a partire dagli asparagi di provenienza laziale, napoletana e pugliese, quotati tra i 4 e i 6 euro il chilo. Tra i carciofi spicca invece la nuova varietà Ares di origine laziale, posizionata sopra l’euro il chilo, mentre sono bassi i listini di Romanesco, Apollo e Life provenienti dalla Sardegna, ormai a fine campagna”.

Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: