eventi
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

mercoledì 27 marzo 2019


Conserve Italia, progetto per ridurre i consumi di acqua

Si concluderà con la campagna 2019 il progetto triennale di innovazione agronomica avviato da Conserve Italia in collaborazione con l’Università di Milano e co-finanziato dal PSR della Regione Emilia-Romagna, finalizzato a ridurre fino al 7% il consumo di acqua nei campi per la coltivazione di mais dolce, fagiolo, pisello e pomodoro. “Una percentuale non di poco conto - spiega il direttore generale Pier Paolo Rosetti – dal momento che le colture orticole da industria sono tra quelle che necessitano di maggiori apporti di risorsa idrica. È per questo che abbiamo deciso che la nostra sperimentazione, che si sta avviando con successo alla sua fase conclusiva in tre aziende agricole delle province di Ferrara e Piacenza, partisse proprio da una attenta analisi delle caratteristiche dei terreni di tali colture: il progetto sta dando i risultati attesi, mettendoci nelle condizioni di riuscire a ridurre, insieme al consumo di acqua, anche quello dei trattamenti fitosanitari”.

Attraverso un secondo progetto agronomico, il Consorzio cooperativo dei marchi Cirio, Valfrutta, Yoga, Derby Blue e Jolly Colombani sta inoltre mettendo a punto un sofisticato software gestionale che serve da supporto decisionale: aiuta, in altre parole, gli agricoltori a capire quando irrigare e di quanta acqua necessiti un determinato terreno, per evitare sprechi e consumi eccessivi. Anche in questo caso, dopo una prima sperimentazione l’obiettivo è quello di estendere l’utilizzo del software su tutti i 15.000 ettari di orticole gestiti da Conserve Italia.

“La riduzione del consumo di acqua in agricoltura - commenta Rosetti - è un obiettivo sul quale stiamo lavorando da tempo, con progetti e sperimentazioni che coinvolgono sia la parte agricola che quella di trasformazione: avendo il vantaggio di essere una cooperativa, possiamo avere, attraverso i nostri 14.000 soci agricoli, il controllo di tutta la filiera a partire dal seme e siamo pertanto nella condizione ideale per migliorare i nostri livelli di sostenibilità sin dall’inizio del processo produttivo. Crediamo fortemente che la competitività delle produzioni italiane rispetto al mercato globale – conclude Rosetti – passi sempre di più attraverso una forte attenzione all’uso delle limitate risorse ambientali”.

Fonte: ufficio stampa Conserve Italia


Altri articoli che potrebbero interessarti: