eventi
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

venerdì 3 maggio 2019


Auchan, la filiera delle carote tracciata con la blockchain

La tracciabilità dell'ortofrutta da oggi è a portata di clic anche per i clienti Auchan grazie alla tecnologia blockchain, una piattaforma dove tutti gli attori della vita di un prodotto caricano le informazioni necessarie a risalire a tutte le fasi di produzione, dal campo alla tavola. Dopo il successo dell'iniziale test in Vietnam, Auchan ha esteso quest'anno il progetto all'Italia partendo dalla filiera delle carote.

Auchan, attualmente tra le principali aziende operanti nella Gdo italiana, attiva in 19 regioni con una rete di circa 1.500 punti vendita, ha sperimentato la soluzione blockchain per la prima volta nel 2017 in Vietnam, con la start-up tedesca Te-Food. Il progetto ha ricevuto in breve tempo un riscontro positivo e quest'anno è stato lanciato in Italia da Auchan Retail Italy in collaborazione con Big Group (start-up italiana) e Te-Food (partner tecnologico di Auchan Retail).

La tecnologia blockchain, denominata "Foodchain", mobilita tutti gli attori coinvolti nella vita di un prodotto: produttori, trasformatori, logistica e distributori caricano ognuno su una piattaforma tutte le informazioni relative a un prodotto, garantendone la tracciabilità end-to-end. Attraverso un codice Qr sull'etichetta, da scansionare attraverso una App, è possibile conoscere l’origine e il percorso di ogni prodotto che si trova sui banchi del supermercato e accedere a informazioni come i valori nutrizionali o le caratteristiche di produzione, ad esempio il basso utilizzo dei trattamenti chimici. L'App Filiera Auchan è disponibile sia su Play Store che su AppStore e fornisce informazioni sulla varietà, il calibro, la categoria, l'origine e la zona di produzione, con la geolocalizzazione dell'azienda agricola di coltivazione, sulle caratteristiche di produzione, i valori nutrizionali e anche le ricette consigliate di stagione.

Auchan ha avviato il progetto partendo dalla filiera delle carote, ma entro il mese di giugno punta a estendere la tracciabilità anche al pollo.
Le carote Auchan provengono da zone di produzione quali l'Abruzzo, nell'area del Fucino, il Lazio, la Sicilia, il Veneto, l'Emilia-Romagna, che per le caratteristiche del terreno e il clima sono particolarmente indicate per valorizzare le qualità organolettiche del prodotto. La raccolta avviene nel momento ottimale, secondo la zona di coltivazione. Vengono individuati gli appezzamenti di terreno destinati al prodotto di filiera e ad ogni parcella di terreno viene attribuito un codice identificativo che accompagnerà il prodotto lungo tutto il percorso dal campo fino allo scaffale. Le varietà di carota selezionate sono certificate non Ogm. La coltivazione, inoltre, segue i principi della produzione integrata, nel rispetto dell’ambiente, attraverso un minore ricorso agli interventi chimici e al risparmio di risorse idriche. I residui chimici sono molto inferiori rispetto ai limiti di Legge (-50%) e non vengono effettuati trattamenti post-raccolta.
Partner da tantissimi per la fornitura delle carote dei Filiera Auchan è l’azienda agricola Giannantoni srl, ubicata nel cuore dell’Altopiano del Fucino, in Abruzzo.



Le Filiere sono una colonna portante di Auchan Retail, sviluppate in stretta collaborazione con gli attori del mondo agricolo, e quella delle carote è soltanto una delle oltre quaranta al servizio dei clienti Auchan (carne, pesce, frutta e verdura). Ogni prodotto Auchan è controllato in tutte le fasi della filiera, dal campo o all'allevamento fino al carrello, a garanzia della qualità e della sicurezza degli alimenti.
I pilastri su cui si basano le FIliere Auchan sono l'origine dei prodotti, la tracciabilità, le qualità organolettiche, l'attenzione al benessere animale e la partnership a lungo termine con i produttori.

Con Auchan va ad allargarsi il panorama delle aziende che utilizzano la tecnologia blockchain nella tracciabilità dei beni alimentari, si pensi soprattutto a Carrefour Italia, la prima a credere nel progetto con un investimento sulla filiera del pollo biologico prima e su quella degli agrumi poi, in particolare le Arance Tarocco e i Limoni di Sicilia qualità Carrefour annunciati a inizio 2019.

Copyright 2019 Italiafruit News


di Tommaso Santi

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: