eventi
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

giovedì 23 maggio 2019


Pere di IV Gamma, si può fare!

Dalle mele alle pere. Crunch Pak, il maggiore produttore americano di snack di quarta gamma a base di mele, è riuscito a sviluppare la tecnologia per presentare le prime confezioni di pere a spicchi già pelate e pronte per il consumo. Una innovazione che è destinata ad avere un impatto rilevante sul segmento della frutta di quarta gamma. 

L'azienda di Cashmere, Stato di Washington, sta lavorando al progetto pera da quasi vent'anni. Fin dal 2000, anno della sua costituzione, Crunch Pak si è sempre posta l'obiettivo di offrire le fettine di pere fresche. La tecnologia, ora, è arrivata a uno stadio sufficientemente avanzato per lanciarle sul mercato.



"Ormai da molti anni ci stiamo impegnando per sviluppare le pere di quarta gamma - ha commentato Tony Freytag, co-fondatore e vicepresidente esecutivo di Crunch Pak - La posizione del nostro stabilimento ci consente di essere vicini alla maggior parte dei pereti che sono presenti negli Usa. Le innumerevoli ore di ricerca e sviluppo che sono state inserite nel progetto pera e l'impegno generale dell'azienda a creare la nuova tecnologia, di cui siamo proprietari, devono essere annunciati".

Secondo le valutazioni fatte da Crunch Pak, le varietà ideali per la lavorazione di quarta gamma sono la Williams e la D'Anjou, conosciute e diffuse anche qui in Italia. “Le pere Williams e D’Anjou sbucciate e tagliate saranno disponibili inizialmente in confezioni da sette e 32 once (circa 200 e 900 grammi, ndr)”, ha fatto sapere l’azienda. 


Entrambe le proposte saranno presentate in anteprima della fiera professionale United Fresh 2019 che si terrà dal 10 al 12 giugno a Chicago. Il nuovo prodotto-servizio, tra l’altro, figura tra i candidati del premio “Innovation Awards” per la categoria “Best New Fruit”. 
 
Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: