eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
SANA 
Bologna
6-9 Settembre 2019 
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

martedì 18 giugno 2019


Emergenza fosfiti, dubbi di legittimità costituzionali

Continua a tenere banco il tema dell'azzeramento dei residui di fosfiti nei prodotti biologici. Ieri è finito sotto accusa di AssoBio e FederBio il Decreto ministeriale 309/2011 sulle contaminazioni accidentali e tecnicamente inevitabili di prodotti fitosanitari in agricoltura bio (clicca qui per leggere l'articolo). Un decreto che va rivisto, secondo le due organizzazioni di settore, in quanto danneggerebbe i produttori italiani. 

Marco Andreozzi, agronomo e dirigente in quiescenza della Regione Sicilia, ci fornisce un nuovo punto di vista sul tema: "A mio avviso, il Dm 309/2011 è da considerarsi costituzionalmente illegittimo perchè pone un obbligo per i produttori italiani per Decreto ministeriale e non per legge, violando così l'articolo 17 della legge n. 400 del 1988".



"Non essendo stato impugnato a suo tempo entro 60 giorni da chi ne aveva interesse, il Dm 309/2011 va considerato consolidato. Tuttavia - spiega Andreozzi - il produttore agricolo a cui venisse negata la lavorazione del proprio prodotto per il superamento dei limiti di contaminazione accidentale previsto dallo stesso decreto, può procedere a impugnarlo davanti al Tar Lazio per sospetta incostituzionalità".

Successivamente, il Tar dovrebbe avviare l'iter per valutare il dubbio di costituzionalità: "I giudici, se lo riterranno opportuno, invieranno il Dm 309/2011 alla Corte Costituzionale", conclude il dirigente in quiescenza della Regione siciliana. 

Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: