eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
SANA 
Bologna
6-9 Settembre 2019 
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

lunedì 15 luglio 2019


Disoccupazione, novità per gli operai a tempo indeterminato

Ci sono novità per il diritto all'indennizzo di disoccupazione per gli operai agricoli a tempo indeterminato. La Corte Costituzionale infatti ha deciso che anche i lavoratori a tempo indeterminato che vengano licenziati il 31 dicembre dell'anno, o comunque in prossimità della fine dell'anno, abbiano diritto alla disoccupazione per l'anno seguente.

La decisione è stata formalizzata con la sentenza n.30/2019 che prendeva in esame il caso aperto tra Mohammed Mounji e da Azedine Mounji e l'Inps. I due, operai agricoli a tempo indeterminato dal 1992 al 2008 e licenziati al 31 dicembre del 2008, avevano fatto ricorso contro l'Inps che aveva rifiutato loro la disoccupazione per il 2009.

Fino ad ora infatti - come si legge nella sentenza - la "legge n.264 del 1949 definiva che ai lavoratori agricoli a tempo indeterminato spetta un'indennità di disoccupazione per una durata pari alla differenza tra il numero di 270 giornate e il numero delle giornate di lavoro prestate nell'anno (con il limite di 180 giornate annue). Da ciò conseguirebbe che a chi ha lavorato per un periodo di tempo superiore a 270 giornate non spetta nessuna indennità di disoccupazione agricola".

Una situazione che la Corte ha ritenuto non costituzionale riconoscendo che "al lavoratore agricolo a tempo determinato, che superi 270 giornate di lavoro prestate nell'anno e perda il lavoro in prossimità della fine dello stesso, spetta l'indennità di disoccupazione per un numero di giornate pari a quelle in cui ha lavorato, entro il limite di 365 giornate".

Le sentenza cambia quindi i diritti dei lavoratori agricoli e le loro tutele sociali, aumentandoli. D'ora in poi infatti anche gli operai a tempo indeterminato che abbiano lavorato più di 270 giornate e vengano licenziati, potranno richiedere entro il 30 marzo dell'anno successivo l'indennizzo di disoccupazione.

Autore: Matteo Giusti 

© AgroNotizie - riproduzione riservata




a cura di AgroNotizie

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: